Motivazioni della Giuria del Premio Letterario Nazionale “Donna e scrittura. L’inedito nel cassetto”, XV edizione.

libro

PREMIO SPECIALE DEL PRESIDENTE GIURIA

Paolo De Chiara
per aver raccontato nel volume “IL CORAGGIO DI DIRE NO” la storia di una donna, testimone di giustizia, assassinata per essersi ribellata alla ‘ndrangheta e alla criminalità organizzata e per questo diventata simbolo di coraggio e una speranza per la Calabria.
E per il suo continuo e coraggioso impegno di testimone di legalità.

PREMIO SPECIALE DEL PRESIDENTE GIURIA
a
Falco Editore
per la pubblicazione “Il coraggio di dire no. Lea Garofalo, la donna che sfidò la ‘ndrangheta” di Paolo De Chiara.
E perchè: dove “osano le idee” c’è Falco Editore!

cropped-il-coraggio-di-dire-no-lea-garofalo-la-donna-che-sfidc3b2-la-ndrangheta1.jpg

Motivazioni della Giuria del Premio Letterario Nazionale “Donna e scrittura. L’inedito nel cassetto”, XV edizione.

1° PREMIO ASSOLUTO
a
MARIA CARMELA PALUMBO
Carmela Maria Palumbo è risultata vincitrice della XV edizione (2012) del Premio Letterario Nazionale “Donna e scrittura. L’inedito nel cassetto” per la tesi di Master in management dal titolo “La costruzione sociale della legalità. Monsignor GianCarlo Maria Bregantini costruttore di legalità”, relatore il chia.mo prof. Pietro Fantozzi.
La tesi, ora in volume per come detta il regolamento del Premio con il nuovo titolo suggerito da mons. Bregantini “Costruire insieme legalità. La testimonianza di mons. GianCarlo Maria Bregantini” ripercorre attraverso un linguaggio coerente e incisivo i tredici anni di permanenza di mons. Bregantini nella Locride, la sua azione pastorale e il suo ministero in una terra segnata dall’illegalità diffusa e ad alto tasso di criminalità. E ne sottolinea l’aspetto innovativo del suo concetto di legalità, fondato su una visione sprirituale, sociale e culturale, utilizzando anche le fonti del suo vissuto personale, ispirato da una riconosciuta icona di legalità, come è da considerarsi l’attuale Arcivescovo metropolita della Diocesi di Campobasso-Bojano.

PREMIO SPECIALE DEL PRESIDENTE GIURIA

Paolo De Chiara
per aver raccontato nel volume “IL CORAGGIO DI DIRE NO” la storia di una donna, testimone di giustizia, assassinata per essersi ribellata alla ‘ndrangheta e alla criminalità organizzata e per questo diventata simbolo di coraggio e una speranza per la Calabria.
E per il suo continuo e coraggioso impegno di testimone di legalità.

PREMIO SPECIALE DEL PRESIDENTE GIURIA
a
Falco Editore
per la pubblicazione “Il coraggio di dire no. Lea Garofalo, la donna che sfidò la ‘ndrangheta” di Paolo De Chiara.
E perchè: dove “osano le idee” c’è Falco Editore!

21

 

IL CORAGGIO DI DIRE NO
Lea Garofalo, la donna che sfidò la ‘ndrangheta
di Paolo De Chiara
(Falco Editore) www.falcoeditore.com
con prefazione di Enrico FIERRO
con introduzione di Giulio CAVALLI
Con le testimonianze di Santina Miletta (madre di Lea), Marisa Garofalo (sorella di Lea), Madre Grata (madre Superiore Orsoline di Bergamo), Salvatore Dolce e Armando D’Alterio (magistrati Antimafia), Francesca Ferrucci (tenente Carabinieri), Annalisa Pisano (primo avvocato di Lea), Angela Napoli Giuseppe Lumia (parlamentari Antimafia), Francesca Prestia (cantastorie calabrese, autrice de La Ballata di Lea).
2

Autore: Paolo De Chiara

Fondatore e direttore WordNews.it www.wordnews.it Giornalista, iscritto all’OdG Molise. Scrittore, sceneggiatore. È nato a Isernia, nel 1979. In Molise ha lavorato con gran parte degli organi di informazione (carta stampata e televisione), dirigendo riviste periodiche di informazione, cultura e politica. Si dedica con passione, a livello nazionale, alla diffusione della Cultura della Legalità all’interno delle scuole. - Nel 2012 ha pubblicato «Il Coraggio di dire No. Lea Garofalo, la donna che sfidò la ‘ndrangheta» (Falco Ed., Cosenza); - nel 2013 «Il Veleno del Molise. Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici» (Falco Ed., Cosenza, vincitore del Premio Nazionale di Giornalismo ‘Ilaria Rambaldi’ 2014); - nel 2014 «Testimoni di Giustizia. Uomini e donne che hanno sfidato le mafie» (Perrone Ed., Roma); - nel 2018 «Il Coraggio di dire No. Lea Garofalo, la donna che sfidò la schifosa 'ndrangheta» (nuova versione aggiornata, Treditre Ed.); - nel 2019 «Io ho denunciato. La drammatica vicenda di un testimone di giustizia italiano» (Romanzi Italiani, finalista del Premio Internazionale “Michelangelo Buonarrori”, 2019). Dal romanzo «Io ho denunciato. La drammatica vicenda di un testimone di giustizia», nel settembre del 2019, è stato tratto un corto e un medio-metraggio (CinemaSet, vincitore Premio Legalità, Fiumicino 2019). È autore del soggetto e della sceneggiatura del corto e del medio-metraggio «Io ho denunciato. La drammatica vicenda di un testimone di giustizia italiano», 2019 (Premio Starlight international Cinema Award, 77^ Mostra del Cinema di Venezia, settembre 2020). - Ha collaborato con Canal + per la realizzazione del documentario Mafia: la trahison des femmes, Speciàl Investigation (MagnetoPresse). Il documentario è andato in onda in Francia nel gennaio del 2014. Premio Adriatico, «Un mare che unisce», Giornalista molisano dell’anno, Guardiagrele (Chieti), dicembre 2019.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...