Testimoni di Giustizia al Quirinale

francesco paolo e luigi coppola con tdg quirinale, 1 aprile 2015

 “Da funzionari promessa interessamento per assunzioni nella PA”

ROMA. “Il Capo dello Stato ci ha concesso di salire al Quirinale”. Questo è stato il commento a caldo di Luigi Coppola, il portavoce dei testimoni di giustizia campani. Dopo il sit-in e la richiesta di qualche giorno fa (‘Mattarella si distingua dal Governo’) è arrivato l’incontro tanto atteso. Non con Mattarella, ma con i funzionari del Quirinale. Le porte della ‘casa degli italiani’ sono state aperte anche per questi cittadini. “Purtroppo – ha aggiunto Coppola – anche se ci è stata data la massima attenzione, dall’incontro è emerso che il Presidente della Repubblica non ha potere sulle decisioni assunte dalla Commissione Centrale per i testimoni, di cui è presidente il viceministro Bubbico. Siamo però riusciti a strappare una promessa di interessamento per la questione delle assunzioni dei testimoni di giustizia nella Pubblica Amministrazione, come prevede una legge recentemente approvata. Speriamo che Bubbico e la politica tutta si diano da fare per aiutare i testimoni e non mortificarli abbandonandoli. Noi chiediamo meno pacche sulle spalle e più fatti, noi siamo la faccia pulita che si distingue tra tanti corrotti”.

Autore: Paolo De Chiara

Fondatore e direttore WordNews.it www.wordnews.it Giornalista, iscritto all’OdG Molise. Scrittore, sceneggiatore. È nato a Isernia, nel 1979. In Molise ha lavorato con gran parte degli organi di informazione (carta stampata e televisione), dirigendo riviste periodiche di informazione, cultura e politica. Si dedica con passione, a livello nazionale, alla diffusione della Cultura della Legalità all’interno delle scuole. - Nel 2012 ha pubblicato «Il Coraggio di dire No. Lea Garofalo, la donna che sfidò la ‘ndrangheta» (Falco Ed., Cosenza); - nel 2013 «Il Veleno del Molise. Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici» (Falco Ed., Cosenza, vincitore del Premio Nazionale di Giornalismo ‘Ilaria Rambaldi’ 2014); - nel 2014 «Testimoni di Giustizia. Uomini e donne che hanno sfidato le mafie» (Perrone Ed., Roma); - nel 2018 «Il Coraggio di dire No. Lea Garofalo, la donna che sfidò la schifosa 'ndrangheta» (nuova versione aggiornata, Treditre Ed.); - nel 2019 «Io ho denunciato. La drammatica vicenda di un testimone di giustizia italiano» (Romanzi Italiani, finalista del Premio Internazionale “Michelangelo Buonarrori”, 2019). Dal romanzo «Io ho denunciato. La drammatica vicenda di un testimone di giustizia», nel settembre del 2019, è stato tratto un corto e un medio-metraggio (CinemaSet, vincitore Premio Legalità, Fiumicino 2019). È autore del soggetto e della sceneggiatura del corto e del medio-metraggio «Io ho denunciato. La drammatica vicenda di un testimone di giustizia italiano», 2019 (Premio Starlight international Cinema Award, 77^ Mostra del Cinema di Venezia, settembre 2020). - Ha collaborato con Canal + per la realizzazione del documentario Mafia: la trahison des femmes, Speciàl Investigation (MagnetoPresse). Il documentario è andato in onda in Francia nel gennaio del 2014. Premio Adriatico, «Un mare che unisce», Giornalista molisano dell’anno, Guardiagrele (Chieti), dicembre 2019.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: