#recensione IO HO DENUNCIATO

I tempi che viviamo sono sempre più cupi. Si parla a sproposito di rimozione delle scorte. In questo buio compare, abbacinante, il libro di PaoloDeChiara, io ho denunciato. Con uno stile semplice e di impatto De Chiara racconta la vicenda di un testimone di giustizia che denuncia la mafia, facendo chiarezza ancora una volta, dopo i suoi precedenti libri, Sulla differenza tra testimoni di giustizia e collaboratori di giustizia. Una differenza che talvolta le stesse istituzioni ignorano. Nel libro emerge tutta la personalità di De Chiara e la sua cultura ricercata, tanto che anche le citazioni messe in bocca al protagonista sono tanto azzeccate quanto insolite. Da notare anche il nome Lea, dato a una comparsa del libro, come a voler ricordare Lea Garofalo, della cui drammatica storia si è occupato nel precedente Il coraggio di dire no.
Perché denunciare se poi si finisce per vivere sotto scorta e questo vuol dire in un certo senso smettere di vivere, finire in un limbo, sopportare un immane stress psicofisico, perdere gli affetti, allontanarsi dalla propria terra, mettere in pericolo la propria famiglia, avere a che fare con membri delle istituzioni a volte incompetenti e insensibili? La risposta la troverete leggendo il libro, ma vale la pena accennarla: non solo ogni conquista, anche quella nella lotta alla mafia, non è data una volta per tutte perché la mafia si ripresenta ovunque ogni giorno, ma è solo l’ unione delle voci a creare l’onda che può abbattere il sistema.
Esistono inoltre tante persone empatiche e competenti grazie alle quali il sistema di protezione rimane un valido strumento per i testimoni di giustizia anche se con grandi criticità.

Consiglio la lettura a Matteo Salvini e a tutti i rappresentanti delle istituzioni, a ogni livello.

Autore: Paolo De Chiara

Fondatore e direttore WordNews.it www.wordnews.it Giornalista, iscritto all’OdG Molise. Scrittore, sceneggiatore. È nato a Isernia, nel 1979. In Molise ha lavorato con gran parte degli organi di informazione (carta stampata e televisione), dirigendo riviste periodiche di informazione, cultura e politica. Si dedica con passione, a livello nazionale, alla diffusione della Cultura della Legalità all’interno delle scuole. - Nel 2012 ha pubblicato «Il Coraggio di dire No. Lea Garofalo, la donna che sfidò la ‘ndrangheta» (Falco Ed., Cosenza); - nel 2013 «Il Veleno del Molise. Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici» (Falco Ed., Cosenza, vincitore del Premio Nazionale di Giornalismo ‘Ilaria Rambaldi’ 2014); - nel 2014 «Testimoni di Giustizia. Uomini e donne che hanno sfidato le mafie» (Perrone Ed., Roma); - nel 2018 «Il Coraggio di dire No. Lea Garofalo, la donna che sfidò la schifosa 'ndrangheta» (nuova versione aggiornata, Treditre Ed.); - nel 2019 «Io ho denunciato. La drammatica vicenda di un testimone di giustizia italiano» (Romanzi Italiani, finalista del Premio Internazionale “Michelangelo Buonarrori”, 2019). Dal romanzo «Io ho denunciato. La drammatica vicenda di un testimone di giustizia», nel settembre del 2019, è stato tratto un corto e un medio-metraggio (CinemaSet, vincitore Premio Legalità, Fiumicino 2019). È autore del soggetto e della sceneggiatura del corto e del medio-metraggio «Io ho denunciato. La drammatica vicenda di un testimone di giustizia italiano», 2019 (Premio Starlight international Cinema Award, 77^ Mostra del Cinema di Venezia, settembre 2020). - Ha collaborato con Canal + per la realizzazione del documentario Mafia: la trahison des femmes, Speciàl Investigation (MagnetoPresse). Il documentario è andato in onda in Francia nel gennaio del 2014. Premio Adriatico, «Un mare che unisce», Giornalista molisano dell’anno, Guardiagrele (Chieti), dicembre 2019.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...