FLOP DAY MOLISANO

IL GRANDE BLUFF. La politica regionale, gestita dal Toma di turno, continua ad offrire uno spettacolo indecoroso. Ma questi soggetti riescono a comprendere che sono totalmente fallimentari?

FLOP DAY MOLISANO

di Paolo De Chiara

Non bastano le statistiche, le critiche, i fallimenti. Questi Sgovernatori (delle ultime legislature) hanno tutti una cosa in comune. Più sono politicamente incapaci più continuano a fare danni. E vengono pure votati.

Ma di chi sono le responsabilità? Abbiamo oramai compreso che per Toma, e compagnia bella, la politica (quella vera, con la P maiuscola, rappresentata da giganti) è un optional. Gli attuali nani non hanno la capacità di guardare oltre il proprio naso. 

Ma, nel corso degli anni, chi ha scelto questi “nani”, distruttori di un sogno? Perchè i molisani continuano a tenere vivo questo cordone scegliendo questa gente? Ci si continua ad appassionare alle promesse? Ma queste parole vuote, queste rassicurazioni pre-elettorali per quanti valgono? Per una minoranza o per una maggioranza? Cosa deve ancora succedere per pensare all’eliminazione politica di questi dilettanti? In Molise la matita, nelle cabine elettorali, non è mai stata utilizzata per il bene comune. Gli esempi degli altri (Iorio e Frattura) e di questo (Toma) sono sotto gli occhi di tutti. Un totale fallimento. 

In queste ore si grida allo scandalo. Il sistema Mosem è stato un bluff. Rappresenta degnamente gli attuali rappresentanti politici. Quante imprese sono rimaste con la bocca aperta davanti al proprio pc? Chi è riuscito ad accedere? Chi è rimasto escluso? E’ stato un problema informatico? E’ stata una bella figura per il raggiante Toma?

Ora come risponderà la politica regionale? Un sistema del genere, che aggiudica risorse pubbliche, è trasparente? E’ ciò che vogliono gli imprenditori? I molisani? Gli elettori?

Siete i distruttori di un sogno. In questi anni avete rubato il futuro alle giovani generazioni. Che parolone, vero? Utilizzato indegnamente da chi nemmeno ne conosce il significato. 

E’ possibile continuare in questo modo? Ma non vi sentite presi in giro?

A voi, molisani, l’ardua sentenza. 

da WordNews.it

Autore: Paolo De Chiara

Fondatore e direttore WordNews.it www.wordnews.it Giornalista, iscritto all’OdG Molise. Scrittore, sceneggiatore. È nato a Isernia, nel 1979. In Molise ha lavorato con gran parte degli organi di informazione (carta stampata e televisione), dirigendo riviste periodiche di informazione, cultura e politica. Si dedica con passione, a livello nazionale, alla diffusione della Cultura della Legalità all’interno delle scuole. - Nel 2012 ha pubblicato «Il Coraggio di dire No. Lea Garofalo, la donna che sfidò la ‘ndrangheta» (Falco Ed., Cosenza); - nel 2013 «Il Veleno del Molise. Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici» (Falco Ed., Cosenza, vincitore del Premio Nazionale di Giornalismo ‘Ilaria Rambaldi’ 2014); - nel 2014 «Testimoni di Giustizia. Uomini e donne che hanno sfidato le mafie» (Perrone Ed., Roma); - nel 2018 «Il Coraggio di dire No. Lea Garofalo, la donna che sfidò la schifosa 'ndrangheta» (nuova versione aggiornata, Treditre Ed.); - nel 2019 «Io ho denunciato. La drammatica vicenda di un testimone di giustizia italiano» (Romanzi Italiani, finalista del Premio Internazionale “Michelangelo Buonarrori”, 2019). Dal romanzo «Io ho denunciato. La drammatica vicenda di un testimone di giustizia», nel settembre del 2019, è stato tratto un corto e un medio-metraggio (CinemaSet, vincitore Premio Legalità, Fiumicino 2019). È autore del soggetto e della sceneggiatura del corto e del medio-metraggio «Io ho denunciato. La drammatica vicenda di un testimone di giustizia italiano», 2019 (Premio Starlight international Cinema Award, 77^ Mostra del Cinema di Venezia, settembre 2020). - Ha collaborato con Canal + per la realizzazione del documentario Mafia: la trahison des femmes, Speciàl Investigation (MagnetoPresse). Il documentario è andato in onda in Francia nel gennaio del 2014. Premio Adriatico, «Un mare che unisce», Giornalista molisano dell’anno, Guardiagrele (Chieti), dicembre 2019.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...