MOLISE: politica regionale pazzoide

Il PonziodePilato, oggi consigliere regionale (rivotato dai molisani, tafazzisti per eccellenza… come quello che si dava allegramente le botte nei coglioni) è stato ampiamente superato dall’attuale catastrofico, inconsistente, fumoso, piagnone, incazzoso Toma. Altro sGovernatore. Li collezioniamo, indefessamente. 

MOLISE: politica regionale pazzoide

di Paolo De Chiara, WordNews.it

«Quando una maggioranza si regge solo sulle attribuzioni di deleghe e posti d potere, si scioglie e distrugge in un attimo quanto costruito in lunghi mesi di estenuanti trattative che interessano poco o nulla i molisani».

Parole pronunciate da un feroce oppositore? Uno sfogo da parte di uno statista?

Macchè. Tranquilli, niente di tutto questo. In Molise “feroci oppositori” e “statisti” scarseggiano. Da decenni. Queste parolone sono state (addirittura) scritte nientepopodimeno che da uno degli sGovernatori della Regione Molise: Angelo Michele Iorio. Un medico “prestato” alla politica. E quale settore della vita pubblica costituzionalmente garantito, oggi, è in affanno? Non è difficile rispondere a questa domanda retorica.

Ovviamente, (e chi l’avrebbe mai detto!) in questi ultimi mesi il record negativo è stato degnamente conquistato da un altro tizio “prestato” alla politica. Il PonziodePilato, alias Iorio, oggi consigliere regionale (rivotato dai molisani, tafazzisti per eccellenza… come quello (Tafazzi, appunto) che si dava allegramente le botte nei coglioni) è stato ampiamente superato dall’attuale catastrofico, inconsistente, fumoso, piagnone, incazzoso Toma. Il nuovo sGovernatore. Li collezioniamo, indefessamente. 

Senza dimenticare il penultimo. Un certo Frattura. Proveniente dallo schieramento di PonziodePilato, ma scelto dallo scaltro centro-sinistra. Altra parentesi catastrofica. 

Ma ritorniamo a PonziodePilato, oggi consigliere regionale. La sua gestione monarchica-politico-amministrativa resterà nella storia (negativa) di questa Regione. Nonostante tutto, oggi, ancora siede tra quei banchi. Avrà applicato una buona colla. Sicuramente quella comoda e fertile sedia si sarà attaccata al culo (“deretano” per i puristi; “parte posteriore inferiore del tronco del corpo umano” per i moralisti). Una colla molto ricercata tra gli eletti. 

Poteva staccarla con una mozione di sfiducia, bella e pronta, ma si è astenuto. Se n’è lavato le mani. Di fronte non aveva certo Gesù Cristo. Hanno avuto l’occasione di mandare a casa il catastrofico, l’inconsistente, il fumoso, il piagnone, l’incazzoso Toma. Bastava alzare un ditino, ma lor signori preferiscono rilasciare sterili dichiarazioni, scrivere (o far scrivere) comunicati stampa (un vizio che qualcuno – già pessimo consigliere e disastroso assessore regionale – ancora non ha perso: con 50 associazioni sparava 50 comunicati a raffica. Ta.. ta.. ta.. ta. Quasi tutti i giorni. Oggi, con l’esilio, ha diminuito la dose).         

«Così la presunta maggioranza è stata battuta per ben due volte sulla nota questione dei trasporti che ha visto, al contrario, consolidarsi l’idea di una soluzione sostenuta ormai da dicembre 2019 e che è maggioritaria in Consiglio».

La presunta maggioranza? Battuta due volte? L’idea (che parolone) di una soluzione?

Ma chi le scrive queste genialate? Sempe lui, PonziodePilato. Sicuramente le firma. Ma perchè, invece di abbaiare, non mordete ai polpacci il vostro nemico? (metaforicamente scrivendo, ma potreste farci un pensierino… sarebbe divertente ammirare questa scena, degna del marchese De Sade). Cosa state aspettando? Cosa volete ancora da questa Regione?  

«Questo segnale indica che è possibile incidere sulle migliori scelte programmatiche della Regione a prescindere dall’appartenenza o meno all’idea piuttosto sbiadita di maggioranza politica».

Per le incisioni vi dovete rivolgere agli elettori. Alle politiche passate vi hanno inciso una sconfitta che non dimenticherete facilmente: quattro vostri parlamentari (loro, gli illusi, erano sicuri di essere eletti, una vera goduria politica) sono stati bruciati, disintegrati, fulminati. Una goduria, purtroppo, parziale. Basti vedere alcuni dei sostituti. Comunque siete rimasti con la bocca aperta. Ma ancora non basta. 

Il “miracolo” non si è ripetuto in consiglio regionale. La macchina da guerra messa in campo ha funzionato. Non è, ovviamente, una difesa d’ufficio per i grillini. Si possono difendere da soli. Le cazzate le commettono e le hanno commesse pure loro. Ma ancora non hanno raggiunto certi livelli. I vostri, per la precisione.  

E, comunque, onde evitare stupide polemiche rilanciamo una proposta: oh molisani, candidatevi. L’unico modo è sbatterli fuori con il voto. Basta con queste deleghe in bianco, a questo e a quello. I fallimenti sono evidenti.

Queste bastonate su quali coglioni volete scagliarle? Esistono due modi: votare i migliori (effettivamente scarseggiano) o metterci la faccia. Non temete, loro ce l’hanno fatta… con quella che si ritrovano.    

N.b.: Perchè PonziodePilato? Ovvio, perchè non ha peli sulla lingua. Non garantiamo per le altre parti del corpo. 

© Riproduzione vietata

Leggi anche:

– Tutto previsto

Autore: Paolo De Chiara

Fondatore e direttore WordNews.it www.wordnews.it Giornalista, iscritto all’OdG Molise. Scrittore, sceneggiatore. È nato a Isernia, nel 1979. In Molise ha lavorato con gran parte degli organi di informazione (carta stampata e televisione), dirigendo riviste periodiche di informazione, cultura e politica. Si dedica con passione, a livello nazionale, alla diffusione della Cultura della Legalità all’interno delle scuole. - Nel 2012 ha pubblicato «Il Coraggio di dire No. Lea Garofalo, la donna che sfidò la ‘ndrangheta» (Falco Ed., Cosenza); - nel 2013 «Il Veleno del Molise. Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici» (Falco Ed., Cosenza, vincitore del Premio Nazionale di Giornalismo ‘Ilaria Rambaldi’ 2014); - nel 2014 «Testimoni di Giustizia. Uomini e donne che hanno sfidato le mafie» (Perrone Ed., Roma); - nel 2018 «Il Coraggio di dire No. Lea Garofalo, la donna che sfidò la schifosa 'ndrangheta» (nuova versione aggiornata, Treditre Ed.); - nel 2019 «Io ho denunciato. La drammatica vicenda di un testimone di giustizia italiano» (Romanzi Italiani, finalista del Premio Internazionale “Michelangelo Buonarrori”, 2019). Dal romanzo «Io ho denunciato. La drammatica vicenda di un testimone di giustizia», nel settembre del 2019, è stato tratto un corto e un medio-metraggio (CinemaSet, vincitore Premio Legalità, Fiumicino 2019). È autore del soggetto e della sceneggiatura del corto e del medio-metraggio «Io ho denunciato. La drammatica vicenda di un testimone di giustizia italiano», 2019 (Premio Starlight international Cinema Award, 77^ Mostra del Cinema di Venezia, settembre 2020). - Ha collaborato con Canal + per la realizzazione del documentario Mafia: la trahison des femmes, Speciàl Investigation (MagnetoPresse). Il documentario è andato in onda in Francia nel gennaio del 2014. Premio Adriatico, «Un mare che unisce», Giornalista molisano dell’anno, Guardiagrele (Chieti), dicembre 2019.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...