Lea Garofalo fa ancora paura

VIGLIACCHI. Questa volta ci rivolgiamo a questi balordi che hanno bruciato la panchina rossa a lei dedicata. Siete dei vigliacchi, peggio di quei mafiosi che hanno ridotto il corpo della fimmina calabrese in piccoli frammenti ossei.

di Paolo De Chiara, WordNews.it

Lea Garofalo fa ancora pauraLa panchina bruciata

Non ha avuto paura a sfidare la schifosa ‘ndrangheta. E’ stata ammazzata, bruciata in un bidone in provincia di Monza (San Fruttuoso, 24 novembre 2009), perchè ha rotto il maledetto codice secolare della criminalità calabrese. Stiamo parlando di Lea Garofalo, la testimone di giustizia che ha salvato sua figlia Denise. 

Abbiamo già raccontato la sua storia (in basso i link per approfondire) e quella di sua sorella Marisa (oggi candidata in Calabria con Luigi De Magistris alle regionali). 

Questa volta ci rivolgiamo a questi balordi che hanno bruciato la panchina rossa a lei dedicata. Siete dei vigliacchi, peggio di quei mafiosi che hanno ridotto il corpo della fimmina calabrese in piccoli frammenti ossei

Per voi non ci sono parole. Purtrotto vivete in un Paese senza memoria e con esempi pessimi nella politica, nella pubblica amministrazione e in quasi tutti i settori. Ma tutto questo non può essere un alibi.

Fate pena.   

LEGGI ANCHE:

– LEA GAROFALO. 5 maggio 2009: il tentato sequestro di Campobasso

– LEA GAROFALO. Il tentato sequestro di Campobasso

– «Lea Garofalo è una testimone di giustizia»

 Il grido d’aiuto (inascoltato) di Lea Garofalo

– “Lea, in vita, non è stata mai creduta”

– «Con Lea Garofalo siamo stati tutti poco sensibili»

– UNDICI ANNI DOPO