«Mio padre è stato ammazzato perchè ha toccato i nervi scoperti di questo Paese»

OMICIDIO DI STATO, la VIDEOINTERVISTA. Dopo la deposizione in Commissione parlamentare Antimafia abbiamo raccolto il punto di vista di Luana, figlia di Luigi Ilardo, il confidente che portò lo Stato a pochi passi dal casolare dove era nascosto il latitante Bernardo Provenzano.

di Paolo De Chiara, WordNews.it

Dopo anni di inchieste e sentenze è arrivata, finalmente, l’audizione alla commissione Antimafia, presieduta da Nicola Morra. La storia di Luigi Ilardo, cugino di Giuseppe Madonia (detto Piddu) e, poi, confidente dello Stato, è la storia di questo Paese malandato, corrotto. Legato a doppio filo alle criminalità organizzate. Sin dalla sua nascista. L’Unità d’Italia, il regalo del potere precostituito, ha istituzionalizzato le mafie: Cosa nostra e camorra. Un bellissimo regalo, insieme alla questione meridionale. Ma questa è un’altra storia. 

In questo Paese, parafrasando il poeta, “orribilmente sporco” lo Stato – nel corso della sua storia – ha ammazzato i suoi cittadini perchè la verità è sconvolgente. Chi tocca certi fili muore e viene pure diffamato dopo la morte. Certe verità non possono assolutamente essere rivelate. E sono tanti gli episodi che ancora sono stati lasciati, intenzionalmente, nell’oblio della storia: dalla strage di Portella (1947) alla strage di via D’Amelio (1992), dalla morte del medico (che operò quel pezzo di merda di Bernardo Provenzano) Attillio Manca (2004) alla morte di Luigi Ilardo (1996).  

L’ex mafioso Ilardo, in collaborazione con il colonnello dei carabinieri Michele Riccio (alla fine dell’articolo i link con le interviste), aveva fatto arrestare diversi mafiosi latitanti. Insieme avevano messo gli occhi e le mani sul più famoso dei latitanti. Il boss dei boss Provenzano. Operato alla prostata proprio da Manca (ucciso dallo Stato corrotto perchè aveva riconosciuto quel mafioso violento e malato). C’era (è c’è ancora) una Trattativa in corso.

La TRATTATIVA con le mafie (a caratteri cubitali così lo possono capire meglio quei negazionisti da quattro soldi, gestiti da alcuni vertici delle istituzioni interessati a depistare la storia degli ultimi anni) è ancora in corso. Questo è un Paese che si fonda sulle TRATTATIVE con le mafie.

La fonte «Oriente» (Luigi Ilardo) – nascosto alla mafia e alle istituzioni – porterà lo Stato a pochi passi dal casolare che “ospitava” Provenzano. Lo Stato preferirà lasciare il mafioso in latitanza (libero di scrivere i suoi pizzini) e farà uccidere (Catania, 10 maggio 1996) l’uomo che aveva deiso di “saltare il fosso”.

Quando finiranno questi accordi indicibili? Quando verrà tagliato il “nodo politico”?

Quando la finiremo di chiamare quell’altro pezzo di merda di Matteo Messina Denaro latitante e cominceremo a definirlo “mafioso protetto dallo Stato deviato”?

Per ora ascoltiamo Luana, una donna dignitosissima che, da troppi anni, sta portando avanti la sua battaglia. La vicenda di suo padre Luigi è emblematica, l’archétipo dell’accordo tra Stato (deviato e schifoso) e mafie.    

LEGGI ANCHE:

L’INTERVISTA al colonnello dei carabinieri Michele RICCIO

Prima parte:«Dietro alle bombe e alle stragi ci sono sempre gli stessi ambienti»

Seconda parte:Riccio: «Mi ero già attrezzato per prendere Bernardo Provenzano»

Terza parte:«Non hanno voluto arrestare Provenzano»

Quarta parte:Riccio: «L’ordine per ammazzare Ilardo è partito dallo Stato»

 La mezza verità

– Delitti di mafia: «Lo Stato faccia emergere la verità»

– E se Provenzano fosse stato arrestato nel 1995?

– La strada giusta

– Stato e mafie: parla Ravidà, ex ufficiale della DIA

 – Attilio Manca suicidato per salvare Bernardo Provenzano

– INGROIA: «Lo Stato non poteva arrestare Provenzano»

– INGROIA: «Provenzano garante della Trattativa Stato-mafia»

L’INTERVISTA a Salvatore Borsellino

PRIMA PARTE. «Borsellino: «gli assassini di mio fratello sono dentro lo Stato»

SECONDA PARTE.«Chi ha ucciso Paolo Borsellino è chi ha prelevato l’Agenda Rossa»

TERZA PARTE. Borsellino«L’Agenda Rossa è stata nascosta. E’ diventata arma di ricatto»