La verità per Attilio Manca

OMICIDIO DI STATO. Con il nuovo anno continueremo a sentire i protagonisti di questa storia. Deve essere fatta luce su questa vicenda. I responsabili, legati alla criminalità organizzata e ai settori deviati delle Istituzioni della Repubblica, devono pagare il conto. Un uomo, Attilio Manca, è stato massacrato da vivo e, anche, da morto. Lo hanno infangato per nascondere la verità: il medico che ha operato il latitante Provenzano (protetto per difendere la scellerata Trattativa Stato-mafia) ha pagato con la vita la sua professionalità.

di Paolo De Chiara, WordNews.it

La verità per Attilio Manca

Non abbiamo dimenticato la drammatica vicenda di Attilio Manca. Abbiamo voluto riportare le parole della signora Angela Manca per ribadire il nostro impegno nel ricordare una storia vergognosa di questo strano Paese. Sempre pronto a difendere i delinquenti e a dimenticare le persone perbene.

Con il nuovo anno continueremo a sentire i protagonisti di questa storia. Deve essere fatta luce su questa vicenda. I responsabili, legati alla criminalità organizzata e ai settori deviati delle Istituzioni della Repubblica, devono pagare il conto. Un uomo, Attilio Manca, è stato massacrato da vivo e, anche, da morto. Lo hanno infangato per nascondere la verità: il medico che ha operato il latitante Provenzano (protetto per difendere la scellerata Trattativa Stato-mafia) ha pagato con la vita la sua professionalità. 

Lo hanno definito “tossico”, “drogato”. Hanno archiviato la sua morte utilizzando termini vergognosi: “suicidio”, “morte legata all’utilizzo di sostanze stupefacenti”.

Il nostro compito, da operatori dell’informazione, è quello di scoprire la verità e raccontare i fatti. Senza guardare in faccia a nessuno. Con il nuovo anno riprenderemo questa vicenda, insieme a tante altre, per fare – fino in fondo – il nostro dovere. Costi quel che costi

La pagherete cara, pagherete tutto.  

Ecco le parole della signora Angela Manca:

Concludo quest’anno riportando le parole del nostro legale Fabio Repici : “Ho trovato le dichiarazioni di un altro collaboratore sconosciuto all’autorità giudiziaria di Roma e tali dichiarazioni riscontrano addirittura un elemento che era stato indicato dalla signora Manca e dal signor Manca, in relazione alla visita preannunciata ad Attilio dal cugino Ugo Manca, dieci giorni prima del suo omicidio, di un potente boss mafioso di Barcellona pg a Viterbo”.

Il mio auspicio è che l’anno nuovo, finalmente, ci porti quella verità, lasciata  da Attilio e nascosta e insabbiata da chi doveva portarla alla luce.

Buon anno.

LEGGI ANCHE: 

– «Capaci… di non dimenticare». La forza delle parole contro le schifose mafie

IL CASO MANCA: altra vergogna di Stato

LA SECONDA PARTE (Video) – IL CASO MANCA. Un Paese immerso nelle Trattative

– IL CASO MANCA, la seconda parte

– Borsellino sul caso Manca: «Gli stessi assassini di mio fratello Paolo»

– IL CASO MANCA, la seconda parte

– IL CASO MANCA – Una storia tra mafia e Stato corrotto.

LA PRIMA PARTE (Video) – Attilio Manca è Stato ucciso

– IL CASO MANCA. Le novità che potrebbero riaprire il caso

LEGGI ANCHE: 

L’INTERVISTA a Salvatore Borsellino

PRIMA PARTE. «Borsellino: «gli assassini di mio fratello sono dentro lo Stato»

SECONDA PARTE.«Chi ha ucciso Paolo Borsellino è chi ha prelevato l’Agenda Rossa»

TERZA PARTE. Borsellino«L’Agenda Rossa è stata nascosta. E’ diventata arma di ricatto»

L’INTERVISTA al colonnello dei carabinieri Michele RICCIO

Prima parte:«Dietro alle bombe e alle stragi ci sono sempre gli stessi ambienti»

Seconda parte:Riccio: «Mi ero già attrezzato per prendere Bernardo Provenzano»

Terza parte:«Non hanno voluto arrestare Provenzano»

Quarta parte:Riccio: «L’ordine per ammazzare Ilardo è partito dallo Stato»