NON MI UCCISE LA MORTE…

CARTA CANTA. Stefano Cucchi assassinato dallo Stato. Ecco alcune dichiarazioni del festival italiota dell’ipocrisia… più becera.

di Paolo De Chiara (WordNews.it)

NON MI UCCISE LA MORTE…

Non avevano leggi per punire un blasfemo
Non mi uccise la morte, ma due guardie bigotte
Mi cercarono l’anima a forza di botte.

Fabrizio De Andrè

«Stefano Cucchi è morto perché «anoressico, drogato e sieropositivo. Era in carcere perchè era uno spacciatore abituale. La verità verrà fuori, e si capirà che è morto soprattutto perchè era di 42 chili.»

Carlo Giovanardi, sottosegretario Governo Berlusconi, la Repubblica, 9 novembre 2009

«Capisco il dolore di una sorella che ha perso il fratello, ma mi fa schifo.

Ci sarà un 1% di chi porta una divisa che sbaglia e deve pagare, anzi deve pagare doppio se porta una divisa, ma io sto sempre e comunque con polizia e carabinieri e averne di polizia e carabinieri come quelli che abbiamo in Italia, la sorella di Cucchi si dovrebbe vergognare per quanto mi riguarda.»

Matteo Salvini, La Zanzara (Radio24), gennaio 2016

«Ilaria Cucchi dice che il decesso del fratello Stefano è stato causato dalle fratture? Davanti a 20 periti e 4 dei più grandi luminari che si sono pronunciati non credo certo agli asini che volano.»

Carlo Giovanardi, senatore della Repubblica, 2016

«Stefano Cucchi non è morto per un presunto pestaggio… vergognosa montatura mediatico-giudiziaria… gettare fango su tutte le forze dell’ordine.

…scuse da parte di tutti coloro che, familiari, giornalisti, politici e quant’altro, hanno sposato ad occhi chiusi la tesi dell’uccisione dell’uomo in un violento pestaggio, senza neppure attendere un riscontro dei fatti.»

Franco Maccari, segretario Coisp, 2016

«Non devo chiedere scusa alla famiglia Cucchi, perché dovrei farlo? La prima causa di morte di Stefano Cucchi è stata la droga.»

«Vedremo nel corso del processo se le botte dei CC sono state causa della morte»

«Di cosa devo chiedere scusa? Non mi vergogno di nulla, le perizie hanno sempre escluso la morte per percosse, prendetevela con loro».

«Di cosa devo chiedere scusa? Continuo a dire quello che ho sempre detto dall’inizio: mi rimetto alle autorità giudiziarie e ai processi, che si fanno nei tribunali, e quando i processi si concludono con una determinata sentenza, l’accetto pienamente. Cucchi fu picchiato 16 volte dagli spacciatori, tutte le perizie dicono che la prima causa della sua morte era la droga.»

Carlo Giovanardi, senatore della Repubblica, La Zanzara (Radio24), 11 ottobre 2018

«Questo caso testimonia che la droga fa male sempre»

«Non posso chiedere scusa per eventuali errori altrui. Devo chiedere scusa anche per il buco dell’ozono? Per quel che mi riguarda, come senatore e come padre, combatterò la droga, posso dirlo?»

«Se qualcuno ha sbagliato paga; in divisa e non in divisa. Punto. Fatemi aggiungere: io sono contro lo spaccio di droga sempre e comunque»

Matteo Salvini, leader LegaNord, 14 novembre 2019

«È evidente che se i Carabinieri hanno percosso Cucchi dovranno pagare per questo reato ma non per omicidio preterintenzionale».

“I processi in Italia si devono fare nelle Aule di Giustizia e non sui media ed è pertanto assurdo che l’opinione pubblica venga nutrita su questa tragica vicenda da film e sceneggiate e non informata degli esiti giudiziari, potendo valutare di chi sia la responsabilità se alla fine la Cassazione annullerà inevitabilmente il tutto, suscitando le solite proteste di chi le Sentenze le accetta soltanto se favorevoli alle sue tesi”

Carlo Giovanardi, senatore della Repubblica, AdnKronos, 2 febbraio 2021

LEGGI ANCHE:

– La sentenza è definitiva: giustizia per Cucchi

– Casamassima, la storia (giudiziaria) infinita 

– ASSOLTO L’APPUNTATO RICCARDO CASAMASSIMA

– Il lungo calvario processuale di un carabiniere

– La dirompente testimonianza di Ilaria Cucchi al processo Casamassima

– Testimoni eccellenti al processo Casamassima

– CASO CASAMASSIMA. Il Comandante generale dei Carabinieri Giovanni Nistri sarà chiamato a testimoniare

– La solitudine di Riccardo Casamassima

– Vicenda Casamassima, l’Anac ci ripensa e apre un nuovo fascicolo

– Ilaria Cucchi conferma in aula la versione di Casamassima

– Casamassima, domani la nuova udienza

– Casamassima querela Ilaria Cucchi

– Le infinite udienze di Riccardo Casamassima

– La battaglia solitaria di Riccardo Casamassima: denunciato un superiore

– Vicenda Casamassima: ci sono i primi indagati per abuso d’ufficio

– Riccardo Casamassima: una storia infinita

– Testimone chiave, tra solitudine e provvedimenti disciplinari