Un testimone di giustizia è un «pentito»?

In questo Paese i delinquenti diventano eroi (falsi) e le persone perbene diventano delinquenti. Si fa finta di non capire, di non vedere. Si diffamano continuamente le persone per infangarle.

di Paolo De Chiara (WordNews.it)

Un testimone di giustizia è un «pentito»?

Si continua a mistificare la realtà. Lo abbiamo scritto diverse volte: una cosa è il testimone di giustizia e un’altra cosa è il collaboratore di giustizia, definito anche «pentito» (anche se non si sono pentiti mai di nulla).

Sono due entità completamente differenti: la prima figura è un cittadino che ha avuto la forza e il coraggio di denunciare le schifose mafie, senza aver commesso dei reati. La seconda figura, invece, riguarda gli ex mafiosi che, nella maggior parte dei casi (per ragioni opportunistiche, soprattutto per lo sconto di pena) decidono di “saltare il fosso” e passare dall’altra parte. 

Ma in questo Paese i delinquenti diventano eroi (falsi) e le persone perbene diventano delinquenti. Si fa finta di non capire, di non vedere. Si diffamano continuamente le persone per infangarle. Siamo arrivati al punto che gli ex assassini possono fare tutto quello che vogliono (è giusto, ovviamente, premiare i collaboratori che effettivamente offrono un serio contributo allo Stato) e le persone perbene (i testimoni) vengono definiti pentiti. In molti casi vengono chiamati “sbirri”, “spioni”, “infami”. Una terminologia schifosa e vergognosa.

la cosa più grave è che questa terminologia non viene utilizzata soltanto dai mafiosi ma anche da alcuni rappresentanti delle Istituzioni. Come ad esempio funzionari del Senato della Repubblica con parenti candidati.

A chi si rivolge questo soggetto? Chi è il «pentito»? Chi è il «bombarolo»?

E’ ammissibile una terminologia del genere?

Noi continueremo a “tutelare” la figura dei testimoni di giustizia, senza dimenticare il fondamentale apporto dei veri collaboratori di giustizia. 

LEGGI ANCHE: 

– Domande senza risposte: la mancanza di rispetto di alcuni «politici»

– Il sostegno di Catia Silva: «Caro Gennaro, non sei un miserabile»

– Attacco frontale al testimone di giustizia

LEGGI ANCORA:

– Somma Vesuviana, i pregiudicati del parco Fiordaliso e i figli dei condannati per camorra hanno il loro candidato?

– Elezioni amministrative a Somma Vesuviana: la nostra inchiesta sui candidati parenti di soggetti condannati per reati di camorra 

– Somma Vesuviana: il M5s sostiene il sindaco uscente. Ma è consapevole di aver candidato il nipote di soggetti condannati per camorra?

– Somma Vesuviana: gli abusi dei parenti del candidato M5s

– Somma Vesuviana: a che punto siamo con il bene confiscato a D’Avino?

– L’ex boss pentito è tornato a Somma Vesuviana?

– Parla l’avvocato: «Fiore D’Avino non è mai tornato. Smentisco gli spargitori di false notizie»

– Elezioni regionali in Campania: l’orgia del potere