«Abbiamo bisogno della vera Antimafia, non quella da passerella»

ANTEPRIMA/Quarta parte. Abbiamo intervistato l’On. Piera Aiello (componente della commissione parlamentare antimafia) e Giuseppe Cimarosa. Con loro abbiamo trattato diverse tematiche: dalla lotta alle mafie (inesistente per questo Governo e per quelli precedenti) fino allo schifoso Matteo Messina Denaro (latitante dal 1993), senza dimenticare Rita Atria e la vicenda personale del Cimarosa, imparentato proprio con quel pezzo di merda di Messina Denaro. La trasmissione integrale verrà trasmessa martedì 14 giugno.

di Paolo De Chiara (WordNews.it)

Ma in questo Paese esiste una vera lotta alle mafie?

Perchè gli ultimi Governi non hanno fatto nulla per contrastare queste organizzazioni criminali?

Lo abbiamo chiesto all’On. Piera Aiello. In questo estratto la componente della Commissione parlamentare Antimafia lancia un duro affondo: «Quando mi sono candidata e sono entrata in Parlamento pensavo di poter portare il mio contributo. Ma ho le mani legate.

Abbiamo un’Antimafia da passerella. Al trentennale di Falcone sono andati tutti a passeggiare. Il “Governo dei migliori” non ha scritto una riga. Devono vergognarsi.

Sono uscita dal M5s perchè con una circolare, avallata dal ministro Bonafede, sono andati a casa 500 boss mafiosi. E se andrà in porto la questione dell’ergastolo ostativo avremo i fratelli Graviano di nuovo a Palermo. Lo Stato si deve vergognare

Ho scritto lettere a Draghi, sono andata da Conte. In tre Governi, in una legislatura, non hanno fatto nulla per l’Antimafia. Non hanno fatto nulla per i beni confiscati. Non hanno fatto nulla di nulla. Si devono vergognare, altro che “Governo dei migliori”. Questo è un Governo farlocco.»

Non è mancato un duro attacco nei confronti dell’ex Premier Conte: «Ha fatto due Governi. Quando sono andata da lui per attenzionare alcune situazioni mi ha ignorata. E ora se ne va a fare lezioni di Antimafia?»

La trasmissione integrale verrà trasmessa domani

martedì 14 giugno 2022, alle ore 16:00

LEGGI ANCHE: 

– C’è un patto tra Stato e mafia? Per l’On. Aiello: «Non si vogliono guastare gli equilibri»

– Cimarosa: «I figli non possono pagare gli errori dei padri»

– «Le persone sono più coraggiose a Castelvetrano»

– Il pentito: «Matteo Messina Denaro è un pezzo di merda. Voglio parlare con Di Matteo»

– Ci restano le monete

– La sagra dell’ipocrisia

– A cosa serve commemorare?

– 30 anni dopo: la benedizione sui candidati dei condannati per mafia

– Un Paese al contrario

IL CASO MANCA: altra vergogna di Stato

LA SECONDA PARTE (Video) – IL CASO MANCA. Un Paese immerso nelle Trattative

– IL CASO MANCA, la seconda parte

– Borsellino sul caso Manca: «Gli stessi assassini di mio fratello Paolo»

– IL CASO MANCA, la seconda parte

– IL CASO MANCA – Una storia tra mafia e Stato corrotto.

LA PRIMA PARTE (Video) – Attilio Manca è Stato ucciso

– IL CASO MANCA. Le novità che potrebbero riaprire il caso

L’INTERVISTA a Salvatore Borsellino

PRIMA PARTE. «Borsellino: «gli assassini di mio fratello sono dentro lo Stato»

SECONDA PARTE.«Chi ha ucciso Paolo Borsellino è chi ha prelevato l’Agenda Rossa»

TERZA PARTE. Borsellino «L’Agenda Rossa è stata nascosta. E’ diventata arma di ricatto»

L’INTERVISTA al colonnello dei carabinieri Michele RICCIO

Prima parte:«Dietro alle bombe e alle stragi ci sono sempre gli stessi ambienti»

Seconda parte:Riccio: «Mi ero già attrezzato per prendere Bernardo Provenzano»

Terza parte:«Non hanno voluto arrestare Provenzano»

Quarta parte:Riccio: «L’ordine per ammazzare Ilardo è partito dallo Stato»