«Il presidente Toma è politicamente debole»

SUCCEDE IN MOLISE. L’INTERVISTA alla consigliera di maggioranza (Gruppo Misto) Filomena Calenda: «Nessuno ci informa di nulla. Gli ordini del giorno presentati diventano carta straccia, le mozioni non trovano mai un’applicazione. Manca la volontà di fare azioni concrete sul territorio per la popolazione». Sulla gestione politica della pandemia: ««Da consigliere regionale apprendevo, quando facevamo il tavolo Covid, le informazioni dagli organi di informazione. Non ho mai avuto una informazione diretta, neppure da chi avrebbe dovuto informarmi.»

di Paolo De Chiara (WordNews.it)

«Il presidente Toma è politicamente debole»
Filomena Calenda

Una maggioranza che fa la minoranza. E una minoranza che non sa fare l’opposizione. Questo accade, da diversi anni, in Molise, la famosa isola felice, definita così da chi (indegnamente) gestisce la cosa pubblica, continuando a nascondere sotto il tappeto i tanti problemi irrisolti. In questa regione, dove ognuno fa come cazzo gli pare, la politica – quella attività nobile – è stata sostituita dal teatrino. Eletti, da diverse legislature, che in passato sono stati condannati (e riabilitati) per aver portato le armi ai camorristi nelle carceri quando facevano un altro mestiere; parenti, amici, amanti che hanno occupato e occupano posti strategici per il controllo asfissiante delle istituzioni; politicanti e sindacalisti travestiti da falsi oppositori; ex presidenti che hanno contribuito all’attuale sfascio (non solo della sanità pubblica) che oggi rivolgono appelli con comunicati stampa che non servono a nulla.

E in questo show, «dove è stata scoperchiata la pentola», come ha affermato la consigliera regionale Filomena Calenda (eletta con la Lega, oggi nel Gruppo misto), è arrivata la pandemia. E il clamore ha superato i confini regionali. L’Italia, finalmente, si è accorta dell’esistenza di questa Regione in ostaggio di pericolosi notabili. Un clamore che durerà solo qualche giorno. Questi volponi lo sanno, tutto tornerà come prima. Peggio di prima. Calati juncu ca passa la china. Nonostante una sanità pubblica da terzo mondo, una pandemia che sta uccidendo centinaia di persone (300 mila abitanti, 370 vittime) e una classe dirigente scandalosamente indegna.

Gli annunci si sprecano. Dall’opposizione si ode un solo grido: mozione di sfiducia. Tutte miseramente ritornate al mittente con un bel pernacchio. Dalla maggioranza, invece, si alzano le inutili voci del dissenso: «Toma (sGovernatore del Regno del Molise, nda) è inadatto», «possiamo anche tornare a casa», «a noi non interessano le poltrone». Queste alcune affermazioni ad effetto (per chi fa finta di non capire) che lasciano il tempo che trovano. Nessuno ha il coraggio di tornare a casa.

«Penso che il tempo a disposizione sia finito – ha scritto sulla sua pagina facebook, il 27 febbraio scorso, la consigliera Calenda -. Commissari inadatti a ricoprire il ruolo, Asrem “assente” viaggia su binari morti, giunta assente sui problemi attuali. QUINDI TORNIAMO A CASA PRIMA che sia troppo tardi per guardaci allo specchio da persone oneste. Partiti che siedono in giunta e hanno pieno potere esecutivo ci attaccano. Mai avrei pensato che la mia esperienza regionale si limitasse ad un voto senza poter contribuire alla costruzione di un futuro per i molisani. Sono amareggiata, vi chiedo scusa!»

Dopo aver letto queste parole abbiamo deciso di capire il pensiero della consigliera che fa parte della stessa maggioranza che critica ferocemente. «Ci siamo trovati in questa pandemia e siamo stati impreparati. Noi avevamo già delle problematiche che erano riferite alla sanità. Questo momento ha scoperchiato tutte le pentole, il famoso vaso di pandora. Quindi si sono viste tutte le nostre difficoltà. Il problema è capire questa sanità nelle mani di chi è. Noi, oggi, abbiamo due commissari e abbiamo un direttore dell’Asrem, nominato dalla giunta regionale, che hanno iniziato a fare delle attività dove al tavolo Covid, che ho presieduto come vicepresidente del consiglio regionale, si portavano sterili informazioni che, forse, sono servite a poco.»

Quindi lei sta dicendo che i consiglieri regionali non vengono informati delle attività sanitarie che vengono intraprese e portate avanti? Non vi arrivano le carte?

«Da consigliere regionale apprendevo, quando facevamo il tavolo Covid, le informazioni dagli organi di stampa. Non ho mai avuto una informazione diretta, neppure da chi avrebbe dovuto informarmi.»

Questo cosa significa?

«Che ci vediamo cadere addosso tutto quello che accade. Non voglio scaricare le colpe. Come consigliere regionale non ho avuto mai le informazioni da nessuno. Per raggiungere i commissari ci vuole la mano di Dio. Giustini non è mai venuto ad un tavolo Covid, perché impegnato sui tavoli nazionali.»

Il problema è politico?

«Il problema è politico.»

Quindi se è un problema politico la responsabilità è politica. Allora possiamo dire che la gestione politica è stata pessima?

«Sì, assolutamente.»

Da chi è stata gestita male?

«Il presidente Toma è stato più volte sollecitato da tutti i consiglieri. Ma il presidente, probabilmente, avrebbe dovuto ascoltare. Purtroppo non è sempre disponibile a darci informazioni, a dirci quello che accade. Ed io con chi devo parlare?»

È grave ciò che sta dicendo.

«Purtroppo le cose gravi possono accadere anche in famiglia.»

Qual è lo stato di salute di questa “famiglia”?

«È una maggioranza dove forse qualcuno ci ritiene dei pivelli della politica, alle prime armi. Ordini del giorno presentati diventano carta straccia, le mozioni non trovano mai un’applicazione. Manca la volontà di fare azioni concrete sul territorio per la popolazione.»

Anche lo stesso Toma è un pivello…

«Non entro nel merito…»

Lei politicamente come valuta l’azione del suo presidente? È in grado di assolvere al suo ruolo?

«Lui non è un politico, ha iniziato con il consiglio regionale. Anche se aveva avuto l’esperienza come assessore (esterno, di centrosinistra, ndr) a Bojano.»

È in grado di fare il presidente?

«Tutti gli accadimenti hanno dimostrato che probabilmente è debole, si è indebolito. Solo gli stolti non capiscono che se c’è un problema bisogna fare squadra, ascoltare tutti i consiglieri e non limitarsi solo alla parte dell’esecutivo o solo a qualche assessore che lui ascolta che, probabilmente, ha dato delle indicazioni non consone.»

Deve continuare a fare il presidente?

«È ancora in tempo per poterlo fare. Lui è debole, e non lo devo dire io. Quante volte siamo andati sotto con le mozioni, anche per merito mio? In un momento di pandemia bisogna votare quelle azioni concrete che possano portare un beneficio. Ad oggi non ce n’è una, vedi la mozione sui vaccini ai disabili. Noi siamo gli unici a non avere una piattaforma.»

È debole e può, ancora, tornare sulla retta via?

«Sì»

E se non dovesse, a breve, tornarci?

«Queste sono decisioni che prenderò anche ascoltando qualche collega.»

Lei ha chiesto le dimissioni del commissario Giustini, del subcommissario Ida Grossi, del direttore generale Florenzano, del direttore sanitario Virginia Scafarto e di Lolita Gallo (direzione della salute). Questi cinque personaggi hanno fallito?

«Assolutamente sì.»

Qual è la sua posizione sulla riapertura del Vietri di Larino?

«Ho firmato la mozione di Michele Iorio (colui che fu, nda) per la riapertura del Vietri. Io ero per la riapertura, ma non sono un medico, non sono un tecnico.»

Lei è ancora per la riapertura?

«Certo. Ma trovo perplessità quando leggo la relazione dei tecnici. Noi abbiamo fatto una figura con Urbani quando abbiamo mandato a Roma il commissario. Urbani si è visto arrivare un commissario che presenta un progetto, poi un subcommissario che ne presenta un altro.»

Siamo una Regione poco credibile?

«Sì, non ci crede più nessuno. Mai avrei pensato che il Molise, di cui non si parlava mai, potesse arrivare alla ribalta della cronaca nazionale per queste situazioni.»

È stata scoperchiata la pentola…

«Lei pensava che…»

Lo speravo da tempo. E non solo per la gestione della sanità…

«Se tutto questo può far capire a Roma… e mi riferisco a tantissimi partiti che sono venuti qui a dirci che durante le elezioni regionali avrebbero riaperto gli ospedali. Queste persone non le ho più viste, ora non parlano proprio…»

La questione è regionale. Perché manca la volontà di aprire quella struttura pubblica?

«Manca la volontà perché siamo in piena variante. Si dovevano svegliare prima. Ma aggiungo che sarei contenta della riapertura del Vietri e spero che possa accadere. E, comunque, io ho chiesto il potenziamento dei vari ospedali presenti sul territorio.»

WORDNEWS.IT © Riproduzione vietata

Leggi anche:

– «Scelte sconsiderate da parte della politica molisana»

– In Molise aumentano i casi Covid: «Siamo nel caos più assoluto»

– La richiesta del Forum: «Per invertire la rotta serve il centro Covid regionale»

– Sanità in Molise. «Il presidente della Regione deve dimettersi e chiedere scusa»

 «Questa Sanità ha fallito. Stanno facendo il gioco delle tre carte»

– Molise, ecco il Comitato DIGNITA’ e VERITA’ per le vittime Covid

– Sanità molisana, parla Italo Testa: «È in uno stato di abbandono»

– SANITÀ IN MOLISE. Lucio Pastore sulle barricate

– Sanità in Molise: sulle barricate il medico che difende il sistema pubblico

– Coronavirus: «È una carneficina»

– «Censurato» il dott. Ettore Rispoli dopo la nostra intervista. Aveva denunciato la drammatica situazione sanitaria