«I Mancuso sono ‘ndranghetisti e massoni»

L’INTERVISTA. Sulla vicenda del collaboratore di giustizia e, soprattutto, dopo le affermazioni negazioniste dell’avvocato del foro di Palmi, Carmelo Naso (“esiste il clan Mancuso?”), abbiamo raccolto il parere dell’On. Angela Napoli (per molti anni in commissione antimafia e minacciata di morte dai mafiosi di Limbadi), che ha spiegato: «All’interno della famiglia Mancuso c’è questo metodo di ricattare proprio sui figli minori. Ricattano appena c’è la minima possibilità di collaborazione da parte sia di un uomo, sia di una donna».

«I Mancuso sono ‘ndranghetisti e massoni»
Angela Napoli

di Paolo De Chiara, WordNews.it

«I Mancuso ormai sono boss pluri-riconosciuti della ‘ndrangheta, come tali giudiziariamente. Anche se per molti anni sono riusciti a farla franca, fino a quando non hanno incontrato, nel loro cammino giudiziario, la dottoressa Manzini, la quale, finalmente, attraverso determinati processi li ha catalogati proprio boss della ‘ndrangheta.» Comincia così la nostra conversazione con l’On. Angela Napoli, per diversi anni impegnata in commissione antimafia. Una vera spina nel fianco per la famiglia mafiosa calabrese.

La Napoli è finita nel mirino dei Mancuso, per i suoi continui interventi in Parlamento. Con interrogazioni e interpellanze ha contrastato in diverse occasioni il clan di Limbadi. Facendoli anche condannare. È una profonda conoscitrice delle dinamiche di ‘ndrangheta e per queste ragioni ha subìto minacce di morte proprio dai Mancuso.

Dopo la lettera, inviata a tutti i giornali, del “rampollo del clan Mancuso di Limbadi” (“La mia bambina è in mano alla ‘ndrangheta ed usata come merce di scambio”) e dopo le affermazioni dell’avvocato Carmelo Naso (Foro di Palmi) che, addirittura, mette in discussione l’esistenza del feroce clan ‘ndranghetista, abbiamo raccolto il parere della Napoli, una donna calabrese combattiva.    

«Emanuele Mancuso appartiene proprio a questo clan, è un pezzo grosso. Ne ha fatte di cotte e di crude. Era interno alla cosca. Quando ha deciso di collaborare devo dire che anche io, all’inizio, ero molto titubante. Pensavo fosse un escamotage per uscire fuori, o perché si sentiva in pericolo. Non pensavo collaborasse.»

Il suo giudizio è cambiato?

«Adesso più si va avanti e più ci si rende conto, anche per la stessa inchiesta Rinascita-Scott di Gratteri che la sua collaborazione è estremamente valida. Per il discorso della figlia Gratteri è già riuscito ad inquisire anche la madre, che ha fatto di tutto. Ricattandolo proprio sulla figlia. Non so quanti soldi gli avevano promesso, addirittura di mandarlo fuori dall’Italia, pur di retrocedere dalla collaborazione. Chi rimane in quella famiglia appartiene a quegli ambienti, che sono ambienti di ‘ndrangheta. Non c’è niente da fare. Il padre della bimba, Emanuele, nel momento in cui chiede che venga sottratta la figlia a quegli ambienti lo fa, sicuramente, anche per una forma di ripicca nei confronti della ex convivente. Però, di fatto, sarebbe sempre un minore sottratto agli ambienti ‘ndranghetisti.»

L’avvocato dalla ex compagna di Emanuele Mancuso ha sminuito la portata del clan dei Mancuso di Limbadi. Lei cosa pensa?

«Nessuno ormai può dire, solo l’avvocato Naso o gli altri avvocati dei Mancuso, che peraltro sono tutti inquisiti, che i Mancuso non sono ‘ndranghetisti. Ci mancherebbe altro, ci sono tanti di quei processi. Nei primi tempi, quando c’è stata la notizia della collaborazione non si trovava più il padre e si pensava che fosse d’accordo con il figlio. In realtà è emerso che la famiglia, tutti i familiari hanno la preoccupazione perché sanno di essere denunciati da questo Emanuele. In questi stessi giorni è venuta fuori la storia della Chindamo (l’imprenditrice 44enne scomparsa, uccisa e fatta a pezzi, secondo la rivelazione di un pentito, nda). Ascone (Salvatore, indagato per l’omicidio della donna, nda) è parente dei Mancuso, è quello del famoso video di fronte alla proprietà. Il collaboratore denuncia di aver saputo tutta la storia della fine della povera Chindamo da Emanuele Mancuso. In carcere.

Quindi Mancuso sa un sacco di cose, perché era proprio integrato nella famiglia. È chiaro che questi famigliari fanno di tutto per cercare di farlo retrocedere».

La ‘ndrangheta è forte anche e, soprattutto, per i suoi legami familiari. Tra di loro sono tutti parenti. Cosa significa per un clan avere al proprio interno un collaboratore di giustizia? È una debolezza nei confronti degli altri clan?

«Pagheranno a livello giudiziario. Ma i collegamenti ce li hanno sempre. Loro considerano sempre che questa collaborazione è infamante, per il fatto stesso di appartenere alla ‘ndrangheta, e a livello familistico si sa che è inaccettabile per questi avere un collaboratore interno alla stessa famiglia. Ma loro procedono tranquillamente, gestiscono i loro affari tranquillamente. Continuano ad usurpare, ad espandersi, non solo, purtroppo, in Calabria, ma ben oltre.

Per loro è una forma da rinnegare, lo rinnegano. Ma, nello stesso tempo, è anche un modo per dimostrare, ecco perché proseguono nelle loro attività illecite, che la collaborazione non va ad inficiare la loro potenzialità malavitosa.»

Emanuela Mancuso scrive, nel documento inviato alla stampa: “la bambina è in mano alla ‘ndrangheta ed usata come merce di scambio”. Sembra di tornare indietro negli anni con la storia di Maria Concetta Cacciola.

«Non c’è dubbio. Questi sono i metodi classici delle famiglie di ‘ndrangheta. Non solo la Cacciola, ma all’interno della stessa famiglia Mancuso ci sono due casi. Uno l’ho vissuto personalmente, l’altro riguarda la Buccafusca, la ex moglie di Pantaleone Mancuso, Pantaleone il grande (detto Scarpuni, nda). La donna aveva cercato di collaborare e si era portata dietro la figlia. Nell’arco di una notte l’hanno fatta retrocedere e poi si è suicidata, ingerendo acido muriatico. E questa è proprio interna alla famiglia Mancuso.

L’altro caso?

«Una certa Ewelina, sposata con uno dei Mancuso (Ewelina Pytlarz, ex moglie di Domenico, fratello dello Scarpuni, nda). Questa ha anche testimoniato. Un giorno mi manda una mail e mi chiede aiuto, dicendomi che era sposata con uno di Limbadi, il quale voleva prendersi la bambina. Questi sono i metodi di ricatto che hanno, attraverso i figli minori. Ho dato tutte le notizie alla mia scorta del tempo e sono riusciti a trovarla che lavorava a Gioia Tauro. L’hanno messa subito in contatto con la dottoressa Manzini, la quale l’ha messa in protezione insieme alla figlia. La donna ha testimoniato, in fase processuale, di essere stata ricattata attraverso la bambina.

Perché la Pytlarz si rivolge a lei?

«Ha anche dichiarato che lei sentiva sempre in famiglia parlare molto male della dottoressa Manzini; del dottore Ruperti, che allora era capo della squadra mobile di Vibo e di Angela Napoli. All’interno della famiglia Mancuso c’è questo metodo di ricattare proprio sui figli minori. Ricattano appena c’è la minima possibilità di collaborazione da parte sia di un uomo sia di una donna.»

Che fine ha fatto questa donna?

«È sotto protezione con la bambina.»

È una testimone o una collaboratrice di giustizia?

«Una testimone di giustizia.»

In una conversazione registrata, Pantaleone Mancuso dice alla ex compagna dell’attuale collaboratore di giustizia proveniente dalla stessa famiglia: “Stai tranquilla. Io farò di tutto. Non ti preoccupare, stai tranquilla. Deve passare sul mio cadavere”. Cosa significa?

«Che piuttosto creano il cadavere di Emanuele, in questo caso.»

È un condannato a morte Emanuele Mancuso?

«Non c’è dubbio. Per qualsiasi famiglia ‘ndranghetista un parente collaboratore è condannato a morte. Per forza deve vivere in fase di protezione.»

Perché i Mancuso odiano Angela Napoli?

«Perché quando ero parlamentare non ho dato tregua. Allora non erano ancora classificati come ‘ndranghetisti.»

Per quale ragione?

«Avevano aiuti trasversali a livello di magistratura, di inquirenti, di avvocati. Sequestravano qualche bene e subito trovavano un cavillo e glielo restituivano. Per cui io facevo le interrogazioni parlamentari.»

Ci fu una interrogazione in particolare…

«Quella più grossa che ho fatto è quando ho ricevuto un plico di documentazione. Mi dicevano che Pantaleone Mancuso, che era nel carcere di Tolmezzo, al Nord, era stato mandato a Vibo nel mentre c’era in atto un processo contro di lui. Ed era stato mandato, con la scusa di un intervento ai denti, presso l’ospedale di Vibo. Ma la struttura, che aveva rilasciato anche una dichiarazione, non aveva gli strumenti idonei. Il giudice diede il permesso a questo criminale di andare, senza vincoli di tempo, presso uno studio dentistico privato, quotidianamente. Quando vengo in possesso di questa documentazione faccio una interrogazione parlamentare. Si stava svolgendo un processo e gli veniva data questa possibilità. Immediatamente lo rimandano, quel giorno successe il finimondo al Tribunale di Vibo, nel carcere di Tolmezzo.

Dopo due o tre anni, nella fase di una indagine, si viene a scoprire che questo Pantaleone Mancuso, parlando con un suo sodàle, dice: “per colpa di quella p… della Napoli sono stato condannato a otto anni di carcere in quel processo che si stava svolgendo, mentre il giudice mi aveva detto che mi avrebbe assolto. Si è spaventato di quella p… che ha fatto l’interrogazione. E non solo. Avevo avuto il permesso per andare al matrimonio di mia figlia e per colpa di quella p… mi hanno rispedito in carcere”.

E il sodàle risponde: “stai tranquillo, stiamo vedendo come farla fuori”. Questa è una delle cose…»

Poi c’è un altro episodio…

«Un altro dei Mancuso dice: “è inutile che continuiamo con questo processo, perché tanto io sono in galera, ma i miei avvocati sono fuori e leggono. La sentenza di questo processo l’ha già scritta Angela Napoli”. Questo è un altro dei fratelli Mancuso. Io continuavo a fare interrogazioni parlamentari, perché avevano le protezioni, dei magistrati… Quando poi è arrivata la Manzini ci è andata giù dura e, finalmente, è partita la prima fase, dove questi sono stati catalogati ‘ndranghetisti, a livello giudiziario.»

Quando parliamo di protezioni dobbiamo includere anche la politica e la massoneria?

«Pantaleone Mancuso diceva: “ma che ‘ndrangheta e ‘ndrangheta. Qui siamo tutti massoni”. La massoneria era, non c’è dubbio. Così come continua a Vibo a dominare. Parlo di massoneria deviata.»

Quindi, i Mancuso sono un clan di ‘ndrangheta e sono forti come prima?

«Sì.»        

WORDNEWS.IT © Riproduzione vietata

LEGGI ANCHE:     

– «Chiedo Giustizia»: l’appello del collaboratore Emanuele Mancuso per sua figlia

– PARLA L’AVVOCATO Carmelo Naso:  «Io sul libro paga della cosca Mancuso? Soltanto illazioni»

 

«Io sul libro paga della cosca Mancuso? Soltanto illazioni»

L’INTERVISTA. Parla l’avvocato Carmelo Naso del Foro di Palmi (RC), accusato dal collaboratore di giustizia Emanuele Mancuso, il “rampollo del clan Mancuso di Limbadi”, di essere sul libro paga della famiglia di ‘ndrangheta. «Non conosco personalmente il collaboratore di giustizia.» Domani alle ore 12:00 l’intervista all’On. Angela Napoli (minacciata di morte dai mafiosi di Limbadi): «Sono ‘ndranghetisti, potenti e pericolosi.»

«Io sul libro paga della cosca Mancuso? Soltanto illazioni»
Il collaboratore di giustizia Emanuele Mancuso (ph Repubblica.it)

di Paolo De Chiara, WordNews.it

«Dal materiale intercettivo si evince, chiaramente, che la Chimirri Nensy Vera è collegata, tutt’oggi alla cosca, in quanto è difesa e assistita da un noto avvocato del Foro di Palmi (RC), Carmelo Naso, che risulta essere sul “libro paga” della cosca di ‘ndrangheta denominata “Mancuso”. Questa non è una mia invenzione ma è quanto emerge da una intercettazione telefonica, presente in atti, tra il professionista e Del Vecchio Rosaria Rita, rappresentante la famiglia Mancuso, inerente il procedimento pendente presso il Tribunale per i Minorenni di Catanzaro. In tale circostanza il mandato difensivo è stato conferito dalla Chimirri Nensy Vera, madre della minore, ma il professionista anziché riferire l’evolversi della vicenda alla sua assistita provvede, con priorità, a relazionarsi con Del Vecchio Rosaria Rita, la quale si occupa anche del pagamento delle spese legali.»

Questo è il passaggio contenuto nella comunicazione del collaboratore di giustizia Emanuele Mancuso, “il rampollo del clan Mancuso di Limbadi”, come lui stesso si definisce. Nell’articolo di Alessandra Ruffini è possibile leggere interamente il suo intervento. Ma cosa ne pensa l’avvocato, accusato di essere “a libro paga della cosca di ‘ndrangheta”?

Lo abbiamo contattato per raccogliere anche il suo punto di vista. «Francamente in questo momento non ho un punto di vista, nella misura in cui ho appreso il dato da testate giornalistiche che però, francamente, non mi va in questo momento di esprimermi.»

Lei difende la famiglia Mancuso?

«No, io difendo Chimirri Nensy Vera.»

La compagna di Emanuele Mancuso?

«La ex compagna.»

La ex compagna, mi perdoni. È entrata ufficialmente nel programma di protezione?

«Questo non glielo posso dire.»

Una strategia da parte della famiglia Mancuso?

«Una strategia in che senso?»

Emanuele Mancuso sostiene che è una strategia della sua famiglia ‘ndranghetista per fare pressioni su di lui, relativamente alla decisione di aver “saltato il fosso”. È così?

«Ma guardi, c’è un procedimento penale pendente su questa vicenda e credo che verrà fatta luce nell’aula di giustizia. Lo accerterà il Tribunale se è stata o non è stata una strategia.»

Lo ha conosciuto, lo conosce Emanuele Mancuso?

«No, non lo conosco. Non l’ho mai visto di persona. So chi è perché lo leggo di continuo sulle testate giornalistiche, lo leggo negli atti giudiziari oggetto di procedimenti penali. Però io personalmente non lo conosco.»

Il Mancuso, in un passaggio, scrive: “dal materiale intercettivo si evince, chiaramente, che la Chimirri Nensy Vera è collegata, tutt’oggi alla cosca, in quanto è difesa e assistita da un noto avvocato del Foro di Palmi (RC), Carmelo Naso, che risulta essere sul “libro paga” della cosca di ‘ndrangheta denominata “Mancuso”. Il collaboratore l’accusa di una cosa grave. Lei cosa risponde?

«Guardi, un estratto contributivo ancora non l’ho fatto. Potrei provare a fare un estratto contributivo per vedere, intanto, se c’è una cosca e poi se sono stato assunto da questa cosca. Dovrei risultare… ma l’estratto contributivo non l’ho fatto. Queste per me sono delle, delle… è un suo pensiero. Sono delle mere illazioni.»

Lei ha appena detto: “se esiste la cosca”. Mi scusi, ma cosa significa? Lei non è a conoscenza dell’esistenza di questa cosca di ‘ndrangheta?

«Non so di quale cosca stiamo parlando.»

Sempre i Mancuso di Limbadi.

«Ripeto ancora una volta, questo va accertato nelle aule di giustizia.»

Va accertata l’esistenza della cosca?

«Vanno accertati i fatti che sono riportati nella…»

Senta, ma esiste o non esiste questa cosca di ‘ndrangheta?

«Questo lo deve accertare un magistrato, non posso dirlo io. Questo va accertato nelle opportune sedi. Se io avessi il potere di decretare se esiste o non esiste una cosca… io questo potere non ce l’ho.»

Il collaboratore di giustizia, sempre nella sua richiesta d’aiuto inviata ai giornali, dice che c’è una intercettazione tra lei e un componente della famiglia Mancuso. Precisamente con Del Vecchio Rosaria Rita, “rappresentante la famiglia Mancuso, inerente il procedimento pendente presso il Tribunale per i Minorenni di Catanzaro”.

«Dipende cosa si intende per rappresentante. È la sorella della madre, la conosco. Certo che la conosco.»

La sorella della madre del collaboratore di giustizia Emanuele Mancuso?

«Esattamente. È la zia del Mancuso. Che ripeto, che io conosco.»

Quindi l’intercettazione esiste perché lei conosce questa donna?

«Non le sto dicendo che esiste l’intercettazione, sto dicendo che conosco Del Vecchio Rosaria Rita. Certamente che la conosco, assolutamente. Questi sono atti che sono oggetto di un processo, un processo che si sta celebrando, che verrà celebrato di qui a breve e vedremo quello che ne uscirà, ecco. Tutto qui.»

Lei è il legale, come sostiene, della ex compagna del collaboratore. Può illustrare la questione della figlia minore…

«Quale figlia?»

La diatriba tra i due genitori, chiamiamola così…

«Sì, c’è. Per quello che posso dirle, lei capisce bene che sono vincolato dal segreto professionale. C’è questa vicenda che riguarda la bambina di Emanuele e di Chimirri Nensy Vera relativa a dinamiche prettamente familiari, da quel che… questo è quello che io posso dirle.»

Emanuele Mancuso, oggi, è un collaboratore di giustizia. Mi corregga se sbaglio.

«Sì, assolutamente.»

Quindi per essere un collaboratore di giustizia ci troviamo di fronte ad un clan di ‘ndrangheta. Non crede?

«Questo lo sta dicendo lei.»

È solo un ragionamento logico. Il collaboratore proviene da una famiglia mafiosa. O no?

«No, tecnicamente no.»

Può spiegare il suo punto di vista?

«Potrei commettere una serie indeterminata di delitti, insieme a lei o ad altra persona e poi pentirmi e collaborare con la giustizia.»    

In una conversazione telefonica, secondo il collaboratore, del 15 novembre del 2019 Mancuso Pantaleone, detto L’Ingegnere, dice alla sua cliente: “Stai tranquilla, io farò di tutto. Non ti preoccupare, stai tranquilla. Deve passare sul mio cadavere”. Lei come interpreta queste parole?

«Per dare una risposta alla sua domanda dovrei prima leggermi l’intercettazione, dopodiché avere la certezza che gli interlocutori siano quelli che lei mi sta indicando. Dopodiché io potrei anche risponderle. Soprattutto dovrei contestualizzarla questa intercettazione. Così su due piedi non so quale fosse il discorso.»

Sempre Emanuele Mancuso, collaboratore di giustizia, in un passaggio dichiara: “la bambina è in mano alla ‘ndrangheta ed è usata come merce di scambio”. Le risulta almeno questo?

«Sinceramente non sono a conoscenza di questo dato. Credo che ci siano di mezzo delle Istituzioni, so che c’è di mezzo il Tribunale per i minorenni di Catanzaro che non è proprio l’ultimo arrivato. So che c’è di mezzo la Procura per i minori di Catanzaro, so che c’è di mezzo la Procura distrettuale antimafia di Catanzaro. Stiamo parlando non di pizzo e fighi ma di Istituzioni, di gente che fa valere i diritti della gente, quindi credo che se, effettivamente, fosse come lei mi sta dicendo avrebbero preso dei provvedimenti.»

Come dice lui, il collaboratore, non io.

«Lei mi sta riferendo quello che direbbe questo Emanuele che cozza un pochino con la logica. Non è che stiamo parlando di una diatriba che si è accesa in famiglia e allora la sta mediando papà piuttosto che mamma. Qui stiamo parlando di organi giurisdizionali importanti che da sempre hanno esercitato in maniera ligia la giustizia. Lei può pensare, e glielo sto chiedendo, che possa esistere una situazione del genere e che un Tribunale, una Procura distrettuale, una Procura minorile possano acconsentire a questo tipo di situazioni? Ecco, glielo chiedo. Mi risponda.»

Io cerco le risposte. Senta, c’è un’altra intercettazione, tra lei e la signora Del Vecchio Rosaria Rita, la zia di Emanuele. Le offre prima 5 mila, poi 10 mila euro. Lei avrebbe risposto: “vengo pure in bicicletta”. Tra di voi c’è anche un rapporto professionale? Lei è anche l’avvocato di questa donna? Almeno questo dialogo lo ricorda?

«Non me lo posso ricordare, ritengo siano passati anni. Lei capisce bene che se io avessi detto una frase del genere, ovviamente sarebbe stata dettata dallo scherzo. Non è che una persona va in bicicletta a prendersi…»

A me non interessa come è andato. C’è un rapporto professionale tra lei e la signora, indicata dal collaboratore di giustizia come rappresentante della famiglia Mancuso?

«Non le posso rispondere. Ci sono delle dinamiche alle quali sono vincolato dal segreto professionale. Non è un mistero che ho avuto e ho una miriade di clienti e su questo non ne facciamo mistero.»

Fa l’avvocato…

«Sì, faccio l’avvocato. Quindi ho avuto rapporti professionali con una miriade di persone di… Questa è fondamentalmente la mia risposta.»

Senta, per quanto mi riguarda il clan Mancuso esiste, è pericoloso e questo dato lo si trova in libri, sentenze, documenti. È un dato di fatto. Mentre sulla ‘ndrangheta riesce a formulare un suo giudizio?

«Mi perdoni, chi le ha detto che il clan Mancuso esiste?»

È una mia opinione. Glielo ripeto: per me il clan Mancuso esiste, è presente sul territorio ed è molto pericoloso. La domanda è questa: che cos’è per lei la ‘ndrangheta?

«È un fenomeno umano…»

Quindi la ’ndrangheta esiste?

«È un fenomeno umano e come tale ha avuto certamente un inizio e dovrà anche avere una fine. Me lo auguro, ce lo auguriamo tutti.»

E questo dipende molto dagli uomini, o meglio da certi uomini…

«Naturalmente, naturalmente.»       

Ma secondo lei, lasciando stare il suo pensiero sull’esistenza del clan Mancuso, è grave dire che un avvocato è a libro paga di una cosca mafiosa?

«Dipende da quale pulpito viene la predica. Dipende da chi promana questo tipo di accusa. Lì si può vagliare e misurare la gravità di una affermazione.»      

WORDNEWS.IT © Riproduzione vietata

– Domani alle ore 12:00 l’intervista ad Angela Napoli (minacciata di morte dal clan Mancuso).

Angela Napoli

LEGGI ANCHE:     

– «Chiedo Giustizia»: l’appello del collaboratore Emanuele Mancuso per sua figlia