Alta moda crac – TONINO PERNA, L’IMPRENDITORE ARRESTATO A ISERNIA…

Alta moda crac

IL CRAC DI TONINO PERNA, L’IMPRENDITORE ARRESTATO A ISERNIA…

Questa mattina (9 gennaio 2012) si è svolta la conferenza stampa, nello stesso giorno del processo d’appello a Bologna dell’altro imprenditore italiano Callisto Tanzi, condannato in primo grado a 18 anni per bancarotta, per il crac (14 miliardi di euro) del gruppo Parmalat. Anche l’ex padrone della Cirio Sergio Cragnotti è stato condannato, in primo grado, a 9 anni di reclusione per bancarotta fraudolenta (crac da 1.125 milioni di euro del gruppo alimentare). Per il procuratore Paolo Albano: “è una delle più importanti, delle più complesse indagini mai fatte dalla Procura della Repubblica di Isernia.

di Paolo De Chiara (dechiarapaolo@gmail.com)
“Alta Moda”. Questo il nome data all’operazione che ha portato in carcere l’imprenditore isernino Tonino Perna. Il cavaliere del lavoro ed ex numero uno dell’IT Holding, gruppo aziendale di alta moda. Bancarotta fraudolenta e reati fiscali, con l’emissione di fatture relative a operazioni inesistenti. Oltre 61 milioni di euro il valore del crac del gruppo societario It Holding, operante nel settore tessile e produttore di capi di abbigliamento con i marchi delle più famose firme (Ferrè, Malo, Romeo Gigli, Just Cavalli, Dolce e Gabbana). Perna è stato arrestato ieri pomeriggio, intorno alle 18, nella sua residenza molisana ed è stato tradotto nel carcere isernino. Il provvedimento di custodia cautelare, richiesto dal procuratore della Repubblica di Isernia Paolo Albano e dal pm Alfredo Mattei, è stato emesso dal gip Roberta D’Onofrio del Tribunale del capoluogo pentro. L’operazione è stata condotta dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Isernia. “Il gruppo è balzato alla ribalta delle cronache – si legge nel comunicato stampa della Procura della Repubblica di Isernia – per la grave crisi aziendale che lo ha attraversato, che ha visto il coinvolgimento di gran parte dei dipendenti costretti alla cassa integrazione ed anche, in diversi casi, al licenziamento”. Nei mesi scorsi si è costituito anche un Comitato di lavoratori molto attivo per la difesa del proprio posto di lavoro. Al Cavaliere del lavoro Tonino Perna, con questa operazione, sono stati sequestrati tre immobili e diversi terreni a Capri, una casa a Roma, un immobile a Porto Cervo, uno a Isernia, uno yacht e somme di denaro (migliaia di euro) dai vari conti correnti. Insieme a Perna, sono state indagate altre tre persone, ex amministratori di alcune società del gruppo: Simone Feig (commercialista), Antonio Di Pasquale e Maurizio Negro (avvocati). Per i tre sono scattate le misure di interdizione dell’esercizio della professione. Altre 20 persone sono state iscritte nel registro degli indagati. “Alcuni di questi atti – ha affermato telefonicamente uno dei tre indagati, l’avvocato Antonio Di Pasquale – sono riferiti a 14 anni fa. Stiamo leggendo le loro carte. Siccome non hanno trovato i documenti non capiscono come sono state fatte queste operazioni, esaminate da banche di affari e da consulenti. Sono sicuro dell’esistenza di perizie di supporto. Sono indagato per un’operazione del 1996, prima della quotazione, e poi per un compenso deliberato a favore del cavalier Perna. Non solo rigetto le accuse, ma trovo che siano state molto imprudenti le iniziative perché non c’è stata data nessuna possibilità di sentire le contestazioni prima e quindi di offrire la possibilità di chiarire le posizioni. Non c’era nessuna esigenza di intervenire prima di sentire gli indagati. La PA Investments è una società trasparente che ha fatto sempre operazioni trasparenti, molte delle quali a supporto e di sostegno alla It Holding, senza nessuna attività distrattiva. Non ci sono scatole cinesi. Sono veramente basito, le scatole cinesi sono un sistema con cui si fanno sparire soldi. Non c’è stata nessuna operazione per far sparire soldi”. Questa mattina si è svolta la conferenza stampa, nello stesso giorno del processo d’appello a Bologna dell’altro imprenditore italiano Callisto Tanzi, condannato in primo grado a 18 anni per bancarotta, per il crac (14 miliardi di euro) del gruppo Parmalat. Anche l’ex padrone della Cirio Sergio Cragnotti è stato condannato, in primo grado, a 9 anni di reclusione per bancarotta fraudolenta (crac da 1.125 milioni di euro del gruppo alimentare). Per il procuratore Paolo Albano: “è una delle più importanti, delle più complesse indagini mai fatte dalla Procura della Repubblica di Isernia. Complessa e difficile perché l’attività distrattiva del principale indagato (Tonino Perna, ndr) e degli altri indagati si è sviluppata nell’arco di molti anni con una notevole complessità di operazioni molto difficili da ricostruire quando interviene quel cosiddetto gioco delle scatole cinesi, che rendono volutamente difficoltoso risalire ai reali titolari o gestori di operazioni essenzialmente finalizzate ad occultare o distrarre beni e risorse per interessi estranei a quelli delle aziende facenti parte del gruppo”. Una struttura ricostruita dalla Guardia di Finanza (nella foto in basso il grafico).

Nel provvedimento cautelare all’imprenditore molisano Tonino Perna vengono contestati, in concorso con gli amministratori ed i componenti del collegio sindacale, condotte penalmente rilevanti, “poste in essere – secondo il procuratore di Isernia Paolo Albano – nella sua qualità di presidente del consiglio di amministrazione ed amministratore delegato della Ittierre Spa, della IT Holding Spa, della Plus Spa, nonché quale presidente della società lussemburghese PA Investments SA, configuranti i reati di bancarotta ed evasione fiscale”, con un danno patrimoniale di oltre 61 milioni di euro. Le indagini sono state avviate nel 2009, dopo lo stato di insolvenza accertato dal Tribunale di Isernia.Per gli inquirenti le condotte distrattive si sono manifestate dopo la quotazione in borsa della It Holding e in prossimità della dichiarazione di insolvenza. “Il Perna ha posto in essere reiterate operazioni commerciali e finanziarie connotate da evidenti caratteri di antieconomicità, in quanto non supportate da qualsivoglia interesse economicamente rilevante per la società, emergendo in taluni casi una dinamica degli affari e della gestione del tutto estranea alle buone norme di condotta aziendale posta a tutela degli interessi della società”. Per la Procura di Isernia “le condotte hanno evidenziato chiare e precise volontà distrattive degli interessi economico aziendali a solo vantaggio di quelli del Perna”. Al centro delle indagini compare la società controllante denominata PA Investments SA (Perna né era il presidente) con sede in Lussemburgo “al fine di godere dei vantaggi fiscali”. Il procuratore Albano è chiaro: “alla società del gruppo It Holding, che aveva al suo vertice Perna, facevano capo ben 14 società che operavano nel campo dell’abbigliamento e dell’alta moda. La società IT Holding aveva acquisito una liquidità, grazie a un numero rilevante di azioni messe sul mercato (più di 45 milioni, ndr) con un controvalore di circa 212 miliardi di lire. La PA Investment, che controllava l’intero gruppo societario, ha assunto di fatto il ruolo di cassaforte di famiglia del Perna, alla quale si attingeva di volta in volta quando era necessario disporre di una certa liquidità. Quando si è esaurita tutta la liquidità si è passate ad altre operazioni distrattive, con operazioni del tutto antieconomiche che comportavano solo ed unicamente vantaggi economici e patrimoniali per il Perna e svantaggi, quindi operazioni antieconomiche, sia per la PA Investment sia per la It Holding e per le società del gruppo. Le operazioni sono state talmente tante che è molto difficile sintetizzarle”. Un esempio può esser fatto con il cosiddetto “Progetto Capri”. Esistevano dei rapporti che intercorrevano tra la PA Investment e il Fortino Srl. Questa società del Fortino “è riconducibile all’indagato Perna o comunque alla sua famiglia”. Il capitale della società il Fortino era interamente detenuto dalla Soitpa Srl, a sua volta controllata nella misura del 100% dalla Asco Holding SA con sede a Lussemburgo. Il capitale della società Asco Holding era detenuto integralmente da un trust, denominato The River Trust, “costituito da Perna e i cui beneficiari erano la moglie e i figli”. Per Albano: “l’accordo che era intervenuto tra la PA Investment e la società Il Fortino è che quest’ultima dovesse fornire degli immobili per l’alta moda. Quindi l’enorme villa a Capri dove si dovevano svolgere sfilate di moda e le attività dell’alta moda. In realtà questa villa è servita solo ed unicamente per le vacanze di Perna e della sua famiglia”. Ulteriore esempio della “spregiudicatezza” del Perna è “evidenziato dalla decisione, adottata nel 2008, in piena crisi economia e finanziaria della It Holding Spa, di incrementare da 400mila euro a 1 milione e 400mila euro annui il proprio compenso quale presidente del consiglio di amministrazione”, con un incremento del 250%. Proprio nella fase in cui i lavoratori dell’azienda molisana non conoscevano il proprio futuro. Dopo il fallimento i tre commissari nominati dal governo nazionale (presieduto dall’allora premier Berlusconi) trasferirono l’attività produttiva ad una nuova compagine societaria (gruppo Bianchi) e la Nuova Itr Spa ha riavviato l’attività in provincia di Isernia. Si sono persi 2mila unità nell’indotto, sono sorte difficoltà con alcuni stilisti, si sono registrati problemi di mancato pagamento e si è registrato un calo dei volumi produttivi e degli occupati. Nei giorni scorsi la protesta degli operai di una cooperativa. In passato una forte polemica tra il personale rimasto in azienda e quello in attesa di essere riassorbito ha fatto parlare di “guerra tra poveri”. Una polemica che ha investito anche alcuni esponenti della politica regionale, accusati pubblicamente (insieme ad alcune sigle sindacali) di aver fornito liste di operai da riassumere. La storia dell’Itr Holding non sembra essere finita con l’arresto dell’ex padrone Tonino Perna.

da malitalia.it di lunedì 9 gennaio 2012

http://www.malitalia.it/2012/01/alta-moda-crac/

L’INFORMAZIONE MALATA IN MOLISE

In corso una causa civile della Regione contro la Rai

L’INFORMAZIONE MALATA IN MOLISE

Una legge regionale finanzia soltanto alcuni editori. Ma i giornalisti stanno a guardare

di Paolo De Chiara (dechiarapaolo@gmail.com)

Per anni questa Regione non ha fatto il proprio dovere. Per troppi la classe dirigente di questa Regione non ha fatto il proprio dovere”. Queste le parole pronunciate nel 2009 a Campobasso dall’ex Presidente della Commissione Antimafia Giuseppe Lumia (oggi componente dell’Antimafia), riferendosi alle infiltrazioni malavitose in Molise e agli affari delle tre organizzazioni criminali (‘ndrangheta, camorra e sacra corona unita) presenti nella seconda Regione più piccola d’Italia. Il concetto può essere facilmente esteso anche all’informazione regionale. Per troppi anni in Molise si è preferito sostituire i fatti con le opinioni. Soprattutto quelle dei politici. Che riempiono quotidianamente quasi tutti gli organi di informazione. Legati, per diverse ragioni, alla politica. Nell’informazione molisana si registra un cortocircuito tra controllore e controllato. In questa Regione, oltre ai bavagli, agli auto-bavagli, alle censure e alle diffide, esistono troppi cani da compagnia o da riporto. In Molise gli scendiletto amano coltivare le amicizie con i politici. Invece di controllare. Di fare i cani da guardia del potere. Furio Colombo, tempo fa, scrisse sulle colonne de ’Il Fatto Quotidiano’: “Dobbiamo prendere atto dei fatti”. A Cassino si sta svolgendo una causa civile, intentata dalla Regione Molise, contro il servizio pubblico locale (Rai Molise). Scriveva lo scorso 14 dicembre il segretario nazionale della Federazione Nazionale della Stampa (FNSI), Franco Siddi: “oggi a Cassino c’è stata un’altra tappa di una causa assurda e temeraria”. Ma perché la Regione Molise ha chiesto 3 milioni di euro di risarcimento per presunti danni subiti in seguito alla pubblicazione di notizie ritenute diffamatorie? Perché ha ritenuto opportuno diffidare la Rai e altri organi di informazione, attraverso un avvocato (Francesco Fimmanò) pagato con i soldi pubblici, per evitare l’inserimento nella rassegna stampa di un quotidiano fallito? “Siamo a tre anni dall’apertura di questo procedimento – ha aggiunto Siddi – senza che l’ente regionale abbia potuto cavarne un ragno dal buco, e difficilmente potrebbe essere così perché si fonda su presupposti inesistenti. I colleghi hanno esercitato il diritto di cronaca, limitandosi a leggere i titoli dei quotidiani. Hanno rispettato il diritto dei cittadini ad essere informati”. Ecco cosa si può leggere nella diffida firmata da Fimmanò: “si diffidano le altre testate dal propagare, come sinora fatto, mediante la rassegna mattutina dei quotidiani o la riproduzione in siti di informazione via internet (e nei relativi archivi storici), le diffamazioni della Regione Molise, della sua Giunta Regionale e del suo Presidente (eletto per la terza volta, ndr) e dei suoi Assessori, pubblicate dal quotidiano Nuovo Molise”.Il Presidente dell’Associazione Stampa del Molise (ASM), Giuseppe Di Pietro, ha annunciato un esposto alla Corte dei Conti. Mentre mancano le risorse per assicurare sanità, trasporti, servizi essenziali – ha affermato – si spendono decine di migliaia di euro per una causa che peserà sulle tasche delle famiglie e contribuirà ad intasare la giustizia. Una domanda che porremo anche al consiglio regionale, appena eletto, e alla nuova giunta”. Alla domanda nessuno ancora ha risposto.In Molise, intorno a questa assurda vicenda si è registrato un assordante silenzio. E i giornalisti? Pochi contestano il modus operandi della politica. Troppi interessi legano molti iscritti all’Ordine con chi dovrebbe gestire nel migliore dei modi la cosa pubblica. Giuseppe D’Avanzo, giornalista di ’Repubblica’, amava dire: “Chi fa questo mestiere non può non aver nemici. Se non ne ha, vuol dire che qualcosa non va…”. E in questa piccola, ma sfortunata Regione, sono molte le cose che non vanno. Lo spot dell’’Isola Felice’ e del ’Modello Molise’ serve soltanto per continuare a mettere sotto il tappeto le tante questioni irrisolte. Si chiudono, da un giorno all’altro, trasmissioni di approfondimento? Pochi s’indignano. E l’Ordine dei Giornalisti? Sembra non esistere in Molise. Perché i giornalisti per lavorare devono raccogliere la pubblicità? Il dovere di ogni giornalista, con la schiena dritta, è raccontare quello che vede, che sente e che accade. E come si fa a raccontare i fatti se quasi tutto è controllato da chi finanzia quotidiani e televisioni private? Compresa la politica, che sottobanco (senza una legge regionale sull’editoria), elargisce somme di denaro per l’informazione.In Molise il problema della libera stampa, al contrario di come afferma qualcuno, non dipende da una legge regionale o da un centro-sinistra che non si è mai fatto un organo di informazione tutto suo. Dipende dalla libertà di ciascun operatore del settore. In questo mestiere non si possono accettare compromessi, di alcun tipo. Per la propria dignità e per il rispetto che si deve al lettore o al telespettatore. Che restano gli unici padroni. Come si può controllare la politica e, quindi, anche il centro-sinistra se un organo di informazione è editato da una parte politica? Sin dove arriva il controllo degli editori? Per molti deve esserci l’equilibrio (un’altra parola magica) tra la proprietà e il giornalista. Sono gli editori che dettano le regole? Chi deve decidere cosa si può dire e cosa non si può dire?Il consiglio regionale del Molise, il 12 ottobre del 2009, ha licenziato una legge dal titolo ’Misure urgenti a sostegno degli editori molisani operanti nel settore della carta stampata’. “In questa legge – scrive Riccardo Tamburro, all’epoca consigliere regionale di maggioranza – non si fa altro che rimborsare alcune spese agli editori e non c’è accenno neanche alla regolarità contributiva sui contratti di lavoro”. Il fedele consigliere regionale di maggioranza, che ha affermato “di aver votato a favore per spirito di servizio” e che non condivide “in pieno il testo” pone un problema molto serio. Ma perché misure urgenti? Per chi? Per cosa? La legge si disinteressa dei lavoratori non assunti, pagati in nero e resi schiavi dai propri editori. Ma cosa ancor più grave è che il provvedimento, finanziato con soldi pubblici (300mila euro), sembra disegnato apposta per alcuni giornali. Amici? Compiacenti? Complici? Si legge al comma 7 dell’articolo 2: “La cancellazione delle imprese dall’albo è parimenti disposta dal Presidente della Giunta regionale con decreto motivato”. Il potere di veto messo in mano al Presidente della Giunta Regionale è una vera arma di ricatto. Gli editori che beneficeranno di questi spiccioli si guarderanno bene dal criticare, dal prendere posizioni.Per il giornalista Marco Travaglio: “c’è chi nasconde i fatti perchè non li conosce, è ignorante, impreparato, sciatto e non ha voglia studiare, di informarsi, di aggiornarsi. C’è chi nasconde i fatti perchè ha paura delle querele, delle cause civili. C’è chi nasconde i fatti perchè altrimenti non lo invitano più in certi salotti, dove si incontrano sempre leader di destra e leader di sinistra, controllori e controllati, guardie e ladri, puttane e cardinali, principi e rivoluzionari, fascisti ed ex lottatori continui, dove tutti sono amici di tutti ed è meglio non scontentare nessuno. C’è chi nasconde i fatti perchè contraddicono la linea del giornale. C’è chi nasconde i fatti anche a se stesso perchè ha paura di dover cambiare opinione. C’è chi nasconde i fatti perchè così, poi, magari, ci scappa una consulenza col Governo o con la Rai o con la regione o con il comune o con la provincia o con la camera di commercio o con l’unione industriali o col sindacato o con la banca dietro l’angolo. C’è chi nasconde i fatti perchè è nato servo e, come diceva Victor Hugo, c’è gente che pagherebbe per vendersi”.

da lindro.it di giovedì 22 Dicembre 2011

http://www.lindro.it/L-informazione-malata-in-Molise,5226#.TvSdijXojpk