Mozione di sfiducia, 11 firme per mandare a casa Toma

IL FALLIMENTO POLITICO IN MOLISE. Abbiamo contattato diversi consiglieri regionali per capire il loro punto di vista: Angelo Primiani, M5S (“Il peggiore governo regionale che poteva avere la Regione Molise, inadeguato”), Aida Romagnuolo, Fratelli d’Italia (“Adesso basta. Questo consiglio regionale è arrivato al capolinea”) e Micaela Fanelli, Pd (“Torniamo al voto. Mi aspetto uno scatto d’orgoglio”). Ora si attende la conferma in aula. Sarà la volta buona? Resta una grave frattura all’interno della maggioranza, ormai insistente e dannosa per l’intero Molise.

di Paolo De Chiara (WordNews.it)

Una mozione a sorpresa che ha stordito la maggioranza di centro-destra in consiglio regionale. Era nell’aria, da tempo. Troppe le contraddizioni, le prese di posizione degli stessi appartenenti della coalizione governativa, le polemiche, le minacce (politiche). In Molise non si respira una bella aria. Al dramma del Covid si è unita una azione fallimentare di una intera classe dirigente.

Un Presidente (Donato Toma) scelto per guidare una Regione che si è rivelato totalmente inadeguato. Qualche giorno fa, proprio sul nostro giornale, la consigliera Calenda (eletta con la Lega) aveva espresso il suo punto di vista tagliente sulla sua stessa maggioranza. «Non ci informano di nulla, Non ci fanno leggere le carte». E la Calenda fa parte dei dissidenti, insieme a Michele Iorio (già sGovernatore del Molise) e Aida Romagnuolo.

Undici firme raccolte (nella foto): sei del Movimento 5 Stelle, due del Pd e tre dei dissidenti. Ovviamente, sulla carta queste firme non servono a niente. Bisognerà attendere il voto, entro 15 giorni, per la certificazione in aula. Qualcuno degli undici firmatari si tirerà indietro? Meglio non fare previsioni. La potente macchina si sta già muovendo. Toma lotterà con il coltello tra i denti. Ci riuscirà questa volta?

Abbiamo contattato diversi consiglieri regionali per capire il loro punto di vista. Siamo partiti da Angelo Primiani (M5S). «Siamo stanchi di questo teatrino che va avanti da più di un anno, siamo stanchi anche di queste diatribe all’interno della maggioranza. Una maggioranza che fa capo a Toma e una maggioranza che fa capo a Iorio. Si fanno la guerra intestina, trascinandoci per la giacchetta. Questa cosa non è più tollerabile, anche perché ci sono argomenti ben più importanti di cui parlare e trovare delle soluzioni.».

Ed è arrivata la mozione di sfiducia. In quindici giorni, però, potrebbe rientrare l’entusiasmo della firma. «Sicuramente va discussa. Quello che accadrà non lo sappiamo. Per noi era un atto dovuto. Lo abbiamo fatto un anno fa e ci è stata bocciata. In questo anno ci sono state più le volte che abbiamo registrato parole di dissenso da parte di questi tre della maggioranza e non le volte che hanno votato a favore. Loro l’hanno sottoscritta ma questo non vuol dire che la voteranno. Può accadere di tutto.» Come giudica l’operato della maggioranza? «Il peggiore governo regionale che poteva avere la Regione Molise, inadeguato perché è frutto di tante forze totalmente distanti da loro che si sono messe insieme per una competizione e che hanno mostrato tutti i limiti. Un continuo rimpallo di responsabilità, non più accettabile. È frustrante per l’opposizione lavorare in questo consiglio regionale.»

Pd da un lato e i tre dissidenti dall’altro. Di chi ci si può fidare di meno? «Sicuramente dei tre, lo hanno dimostrato già passato. Cambiano spesso posizione e visione.»

E allora abbiamo sentito Aida Romagnuolo (Fratelli d’Italia). Si precisa che sono stati contattati gli altri dissidenti (sia Michele Iorio che Filomena Calenda), ma nessuno dei due ha risposto alle nostre telefonate. «La goccia che ha fatto traboccare il vaso – ha spiegato la consigliera Romagnuolo – è stato anche l’emendamento che abbiamo presentato noi alla mozione della maggioranza.»

Con la quale si chiedeva la revoca dell’incarico al commissario Giustini, già dimissionario (e indagato dai magistrati di Campobasso). «Noi abbiamo presentato questo emendamento con il quale chiedevamo la destituzione di tutti coloro che hanno avuto un potere decisione e una responsabilità politica. Quindi anche la subcommissaria Ida Grosso, tra l’altro si è dimessa, e i vertici dell’Asrem. Per l’assessore Niro (link alla fine dell’articolo) sembrerebbe quasi che abbiamo commesso un reato, in quanto nell’emendamento abbiamo chiesto che si riapra un dialogo con il governo nazionale per valutare l’ipotesi di sospendere la realizzazione del centro Covid presso la torre del Cardarelli e riattivare l’ipotesi del Vietri di Larino. Solo inciuci nel campo sanitario mentre stiamo vivendo una situazione drammatica. Come consigliere regionale non mi hanno mai consentito di condividere un’idea sulla sanità, non sono mai stata coinvolta in nulla.»

Molto grave ciò che sta dicendo. «Una situazione gravissima. Sono stati inadeguati perché non hanno consentito la possibilità di difendere il diritto alla salute dei cittadini. Adesso basta, non ce la facciamo più. Ho firmato con convinzione. Ho dichiarato che ero disponibile a dimettermi se questo mio gesto serviva per sciogliere questo consiglio regionale perché era arrivato al capolinea. Sono contenta che i miei colleghi hanno presentato in maniera repentina, perché nessuno si aspettava questa mattina questa mozione, e ho sentito il dovere di firmarla. Credo che sia il caso di tornare a casa. In tre anni non sono stati capaci di proporre nulla di concreto per il territorio e per i cittadini.»  

Con queste firme si può affermare che la maggioranza, di cui lei fa parte, ne esce politicamente disintegrata? «Certo, tranquillamente. La maggioranza deve essere una squadra. Con me e con altri non hanno condiviso nulla. Venivo a conoscenza di alcuni provvedimenti sulla stampa.»

Lei come definisce il suo governo capeggiato da Toma? «Non posso utilizzare un mio aggettivo preciso sulla scelta del Toma. Questo presidente non lo conoscevo personalmente. Avevamo riposto fiducia in lui pensando che potesse avere il ruolo del buon padre di famiglia, invece ci siamo dovuti ricredere.»

Come possiamo definirlo? «Non ho un termine ben preciso. Non voglio sconfinare, mi voglio mantenere.»

Tra gli undici firmatari ci sono anche due esponenti del Partito Democratico. «È evidente che la maggioranza politica ha fallito – ha affermato la consigliera Micaela Fanelli –. E ha fallito il presidente Toma. Undici firme su una mozione di sfiducia è un dato politico incontrovertibile. Hanno sbagliato la gestione della sanità, ha sbagliato Toma la gestione della sanità e, chiaramente, il dissenso dei molisani è fortissimo e, quindi, noi abbiamo raccolto il dramma di un popolo che chiede di avere più sicurezza, di avere più vicinanza e di avere risposte. In questo abbiamo trovato tre consensi, partendo da una mozione a firma dei 5 Stelle e nostra.» Queste firme saranno trasformate in voti? «Invitiamo loro a confermare il voto, invitiamo tutti gli altri consiglieri di maggioranza ad ascoltare con attenzione le voci dei molisani. Torniamo al voto. Mi aspetto uno scatto d’orgoglio.»     

WORDNEWS.IT © Riproduzione vietata

Leggi anche:

– «Un governo regionale superficiale e autoreferenziale»

– «Il presidente Toma è politicamente debole»

– «Scelte sconsiderate da parte della politica molisana»

– In Molise aumentano i casi Covid: «Siamo nel caos più assoluto»

– La richiesta del Forum: «Per invertire la rotta serve il centro Covid regionale»

– Sanità in Molise. «Il presidente della Regione deve dimettersi e chiedere scusa»

 «Questa Sanità ha fallito. Stanno facendo il gioco delle tre carte»

– Molise, ecco il Comitato DIGNITA’ e VERITA’ per le vittime Covid

– Sanità molisana, parla Italo Testa: «È in uno stato di abbandono»

– SANITÀ IN MOLISE. Lucio Pastore sulle barricate

– Sanità in Molise: sulle barricate il medico che difende il sistema pubblico

– Coronavirus: «È una carneficina»

– «Censurato» il dott. Ettore Rispoli dopo la nostra intervista. Aveva denunciato la drammatica situazione sanitaria

– Carta Canta, FATTI INQUIETANTI